Home
 

Il Sentiero di Matilde di Canossa

Un breve  viaggio a piedi nelle terre di Matilde di Canossa, una delle figure pi¨ importanti e interessanti del Medioevo italiano, vissuta in un periodo di continue battaglie, intrighi e scomuniche e della lotta tra Impero e Papato . Rivivere la sua storia, attraversando l'Appennino Reggiano,  con i suoi borghi, i castelli,  le bellissime pievi, e la sagoma inconfondibile della Pietra di Bismantova  all'orizzonte. Altri protagonisti assoluti di questo territorio, il Parmigiano Reggiano, e i superbi tortelli del Centro di Tortelloterapia di Sordiglio.          



Programma

Primo giorno: la prima tappa,  ha inizio da Ciano d'Enza, e si snoda in un piacevole percorso tra coltivi, boschi di roverella lungo la valle del rio Vico. Risalendo un comodo sterrato sulla destra della Valle  si raggiunge Rossena  ed  il suo Castello, che offre una ampia visione  panoramica  sull'Appennino Reggiano , tra cui spicca la sagoma inconfondibile della Pietra di Bismantova .

Secondo giorno: partenza per il Castello di Canossa circondato dai suggestivi calanchi che danno al paesaggio un aspetto quasi lunare. Si prosegue per Cavandola , Ceredole dei Coppi, Bergogno. Si susseguono borghi e paesaggi naturali tra campi coltivati e boschi di querce e castagni , fino ad arrivare a Crocicchio dove si effettua il  pernottamento. 

Terzo giorno: da Crocicchio si prosegue; fino alla borgata di Monchio dei Ferri., e attraversando le localitÓ il Ponte e Carrobbio si risale al castello di Sarzano. Fu una delle sedi pi¨ importanti del potere matildico Oggi rimangono il mastio, una torre utilizzata come campanile, alcune parti delle mura e i resti della porta d?ingresso. Si scende per un panoramico sentiero alla sottostante Casina. Riprendendo il Sentiero Matilde lungo la valle di Carpineti si attraversano le localitÓ di Croce di Petrella, Giavello e Rio Minello fino alla chiesa di San Donnino di Tresinara citata in antichi documenti fin dal 1191, sembra sia stata edificata per volere di Matilde di Canossa. Dalla localitÓ Riana si prosegue lungo un sentiero che raggiunge la periferia Carpineti, luogo del terzo ed ultimo pernottamento.

Quarto giorno: il castello delle Carpinete svetta a cavallo di una delle pi¨ suggestive dorsali dell'Appennino reggiano, quella che collega il monte Valestra con il monte F˛sola e la Pietra di Bismantova. Lo si raggiunge in mezz?ora dal centro di Carpineti risalendo per l?antica via matildica. Era uno dei perni del sistema difensivo canossano e residenza preferita da Matilde, ritorno a Carpineti Transfer a Reggio Emilia e partenza.
 

Luogo di ritrovo:
Stazione di Reggio Emilia entro le 12.30 del primo giorno, transfert a Ciano d?Enza con le ferrovie locali, per il rientro da Carpineti, si useranno i mezzi pubblici, oppure provvederemo ad organizzare il rientro con mezzi a noleggio.
N. B si consiglia di arrivare il primo giorno giÓ pronti  per camminare, trattandosi di un trek breve portare solo ci˛ che serve con zaino piccolo, vi invieremo una apposita scheda zaino con tutte le indicazioni del caso.
 

DifficoltÓ: facile, adatto a tutti. Tutte le escursioni giornaliere ( max 5/6 ore di cammino effettivo) sono effettuate con zaino leggero (ognuno viaggia solo con il necessario per la giornata ) mentre negli spostamenti Ŕ fornito il transfert bagagli da una localitÓ all?altra.


Scheda Tecnica

Durata:                   4 giorni / 3 notti     
Partenza:                30 Marzo 2018
Partecipanti:           min 6
Quota individuale:  Euro 355,00
Sistemazione:           B&B / Agriturismo

La quota comprende: Trattamento di mezza pensione (cena, pernottamento e colazione), Assistenza di guida per tutto il tour,  Assicurazione medico-bagaglio.

La quota non comprende: Trasporti, Tutti i pranzi,  Gli extra in genere e tutto quanto non incluso nella voce la quota comprende.





sviluppato da OpticalDream