Gori1
Partenza garantita

Armenia & Georgia

Partenze Garantite

  • Min: 2 - Max: 12 (viaggio individuale)
  • Periodo: Autunno Estate Pasqua Primavera

Un viaggio alla scoperta dei due paesi affascinanti dalle montagne imponenti del Caucaso, dove tra due mari si incontrano Europa e Asia. Monasteri, chiese e castelli, sullo sfondo paesaggi di una bellezza incredibile, montagne ricoperte di neve e verdi vallate, sono testimonianze di una storia straordinariamente ricca. Qui le civiltà si sono succedute nel tempo formando una cultura unica nel suo genere, la cucina e le tradizioni popolari di cui rimarrete affascinati, mentre la famosa ospitalità caucasica renderà il viaggio un’esperienza davvero indimenticabile.

Programma 8 giorni e 7 notti
1° giorno: Yerevan
2° giorno: Etchmiadzin – Zvartnots
3° giorno: Khor Virap – Noravank
4° giorno: Lago Sevan – Garni – Geghard
5° giorno: Sadakhlo – Tbilisi
6° giorno: Mtskheta – Gori – Uplistsikhe
7° giorno: Alaverdi – Gremi – Kvareli – Tsinandali
8° giorno: Partenza

1° giorno: Partenza per Yerevan
Partenza per l’Armenia. Arrivo in aeroporto internazionale Zvartnots. Disbrigo delle formalità doganali. Trasferimento privato in hotel. Sistemazione nelle camere riservate. (-/-/-)

2° giorno: Yerevan – Etchmiadzin – Zvartnots (120 km)
Colazione in hotel. La mattina incontro con la guida ed inizio del tour nei pressi di Yerevan. Partenza per la città di Echmiadzin – il centro della Chiesa Apostolica Armena. Rientro a Yerevan facendo una sosta presso le rovine della cattedrale Zvartnots – la perla d’architettura Armena del 7°sec che è iscritta nel patrimonio mondiale dell’UNESCO. Visita al parco commemorativo di Tsitsernakaberd e il Museo del Genocidio. Visita al Museo dell’Arte Moderno di Cafesjian. Proseguimento con la visita al mercato dell’artigianato presso l’area aperta Vernissage, che dà ospitalità ai pittori dell’Armenia, accoglie più di mille visitatori che ammirano l’abbondanza dei quadri, si sorprendono della raffinatezza dello stile e della fantasia degli artigiani dell’arte. Pernottamento in albergo a Yerevan. (C/-/-)

3° giorno: Yerevan – Khor Virap – Noravank – Yerevan (250 km)
Colazione in hotel. Visita al monastero Khor Virap, l’imporatanza di cui è collegato con Gregorio l’Illuminatore, che introdusse il Cristianesimo in Armenia. La chiesa è un importante sito per pellegrinaggi. Dalla chiesa si scorge una perfetta vista al Mt. Ararat. Proseguimento con la visita al monastero Noravank (“Monastero Nuovo”) – centro religioso del 13 secolo. È situato in un luogo inaccessibile immerso in un paesaggio stupendo. La struttura più antica del complesso monastico è la chiesa di S. Karapet (9-10 s.) che non è sopravvissuta. Il gavit della chiesa principale del 13 sec. è un monumento molto importante siccome è stato ricostruito da uno dei più grandi architetti e scultori Armeni Momik, in modo non venga distrutto dai terremoti. Rientro nella capitale. Pernottamento in albergo a Yerevan. (C/-/-)
* Visita opzionale all’azienda vinicola Tushpa che ha mantenuto i vecchi metodi tradizionali di vinificazione. (Tour con la degustazione dei vini – 5 Euro per persona).

4° giorno: Yerevan – Lago Sevan – Garni – Geghard – Yerevan (250 km)
Colazione in hotel. Partenza per il Lago Sevan, che è uno dei più grandi laghi Alpini d’acqua dolce del mondo. Il lago è anche famoso per la sua penisola e le sue chiese medievali costruite nel 874. Proseguimento per il Tempio Garni – un suggestivo monumento del periodo Ellenistico e un impressionante esempio dell’architettura antica Armena. È stato costruito nel 1 secolo d.C ed è dedicato al Dio del Sole. Dopo aver adottato il cristianesimo nel 301 il tempio pagano ha perduto il suo significato e la fortezza di Garni è diventata la residenza estiva dei re. Oggi vicino al tempio si possono trovare le rovine del palazzo reale e le terme con un mosaico spettacolare. Partenza per il monastero rupestre Geghard iscritto nel patrimonio mondiale dell’UNESCO. Geghard significa lancia in Armeno, proprio quella con cui hanno colpito Cristo Crocefisso, è un capolavoro insuperabile dell’architettura Armena del 13° secolo. Rientro nella capitale. Pernottamento in albergo a Yerevan. (C/-/-)

5° giorno: Yerevan – Sadakhlo – Tbilisi (280 km)
Colazione in hotel. Trasferimento da Yerevan all’hotel di Tbilisi (senza accompagnamento). Sistemazione in hotel e breve riposo. Visita alla fascinosa capitale della Georgia. Tbilisi offre una grande varietà di monumenti, la maggior parte dei quali sono antichi: la chiesa di Metekhi (XIII sec.), la Fortezza di Narikala (IV sec) – una delle fortificazioni più antiche della città, le famose Terme Sulfuree con le cupole in mattoni, la Sinagoga della città, la Cattedrale di Sioni (VII sec) dove si conserva la croce di Santa Nino – una giovane donna che convertì la Georgia al cristianesimo e la Chiesa di Anchiskhati (VI sec). Pernottamento in albergo a Tbilisi. (C/-/-)

6° giorno: Tbilisi – Mtskheta – Gori – Uplistsikhe – Tbilisi (210 km)
Dopo colazione, partenza per Mtskheta, antica capitale della Georgia e tuttora “città santa”, che ospita la sede della Chiesa Ortodossa. Qui si trovano numerosissimi edifici molto antichi, entrati a far parte nel 1994 dell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Fra questi il Monastero di Jvari (VI secolo), ubicato sulla cima della collina, e dal quale si gode di una vista magnifica sulla città e la Cattedrale di Svetiskhoveli (dell’XI secolo), dove la tradizione vuole che sia sepolta la tunica di Cristo. Si prosegue per la città di Gori, il cuore della regione di Kartli. Breve sosta al Museo di Stalin. Nei pressi di Gori l’attrazione più nota è la città rupestre di Uplistsikhe, un antichissimo insediamento del Caucaso risalente al I millennio a.C. Il cuore della civiltà pagana e polo commerciale molto attivo sulla grande via della seta. Rientro nella capitale. Pernottamento in albergo a Tbilisi. (C/-/-)

7° giorno: Tbilisi – Alaverdi – Gremi – Kvareli – Tsinandali – Tbilisi (310 km)
Dopo colazione, partenza per la Regione di Kakheti, regione vinicola della Georgia, che è associata al buon vino e ad una eccezionale ospitalità. Visita della maestosa Cattedrale di Alaverdi, che conserva un ciclo di affreschi dell’XI – XVII secolo. Il monastero fu fondato da Joseb Alaverdeli, uno dei Tredici Padri Siriani, che venne da Antiochia. Proseguimento per Gremi, fu la residenza reale ed una vivace città sulla Via della Seta. In seguito ci dirigeremo verso la cantina vinicola in una grotta naturale dove avremo la possibilità di assaggiare alcuni vini locali e degustare i piatti tipici della zona. Visita del museo di Tsinandali, la residenza dei duchi di Georgia, con un bellissimo giardino all’inglese, un museo e la cantina di vini che appartenne al principe Chavchavadze, poeta e personaggio pubblico nel XIX secolo. Rientro nella capitale. Pernottamento in albergo a Tbilisi. (C/-/-)

8° giorno: Tbilisi – Partenza
Colazione in hotel. Trasferimento verso l’ aeroporto di Tbilisi in tempo per il volo di rientro.

Scheda Tecnica

Durata: 8 giorni / 7 notti
Partenze garantite 2020: 10/04 – 22/05 – 26/06 – 24/07 – 7/08 – 28/08 – 16/10
Dimensione del gruppo: min 2 / max 12 partecipanti
Quota:                           Htl*** Euro 790,00 – Htl**** Euro 890,00
Supplemento singola: Htl*** Euro 150,00 – Htl**** Euro 205,00

La quota comprende: Trasferimenti da aeroporto in albergo e viceversa; Trasporto: macchina oppure mini bus prendendo in considerazione la quantità del gruppo; Presenza e servizi di una guida professionale parlante italiano (la guida non è prevista durante i trasferimenti Yerevan-Tbilisi); Pernottamenti in strutture ricettive di qualità medio-alta, con sistemazione in camere doppie; Pasti BB: colazione in albergo; Ingressi dove previsti e le tasse locali; Una bottiglia di acqua al giorno per persona; Degustazione di vini locali in Georgia; Assicurazione medico – bagaglio EuropAssistance.

La quota non comprende: Volo aereo e le relative tasse aeroportuali; Bevande alcoliche ed i pasti non indicati (15 EUR per persona per il pranzo, 20 EUR per persona per la cena); Spese strettamente personali, eventuali mance, quant’altro esplicitamente non previsto nel precedente paragrafo “La quota comprende”.

Documenti necessari per l’ingresso in Armenia & Georgia: Per i turisti provenienti da un Paese facente parte dell’Unione Europea è sufficiente mostrare il proprio passaporto in corso di validità. Non è richiesto alcun visto d’entrata e/o di soggiorno.

Aprile 2020 Maggio 2020 Giugno 2020 Luglio 2020 Agosto 2020 Ottobre 2020
10 22 26 24 7 – 28 16
  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
    Smarca la voce qui sopra per essere iscritto/a alla newsletter e ricevere le nostre proposte di viaggio.

Potrebbero interessarti

Partenza garantita

Vietnam

Appassionatamente Vietnam

  • Min: 2 - Max: 20 (viaggio di gruppo)
  • Periodo: Autunno Capodanno Estate Inverno Primavera

Chi ha scelto

di viaggiare con noi

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

5 months ago

Nicola Pirazzini

Con Loro Sono stato in Patagonia e Islanda. Esperienze fantastiche: itinerari completissimi,Strutture,escursioni,trekking, organizzati sempre al meglio, luoghi e persone che rendono il viaggio ogni volta qualcosa di unico. Un abbraccio a Roberto e Antonella e anche all’altro Roberto.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

5 months ago

Cristina Lapucci

Vacanza splendida tra macedonia e Tessaglia con esperienze inusuali. Questa vacanza mi ha permesso di conoscere integralmente persone e luoghi del posto creando una esperienza unica in una sola settimana di viaggio.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

5 months ago

Giove Dante

Tour in Patagonia, viaggio verso la fine del mondo che non ha bisogno di commenti. Solo un grazie alla passione delle guide e alla scelta delle strutture, sembra sempre di stare tra amici.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

5 months ago

Salvatore Sferrazza

Cerro Torre
Ancora 4 ore di cammino verso il Cerro Torre con un preludio di steppe, acquitrini, torrenti impetuosi e alberi dalle pazze forme fra l’essiccato e il verde più accecante. Ai piedi del Ghiacciaio Grande, come in un sogno lunare di pietra e vento si sentiva il rombo della natura che cercava il suo corso per buttarsi nella valle: ma dove?
Il vento ci ha impedito di arrivare al Campo Cesare Maestri e così il ritorno fra le steppe e i boschi è avvenuto in un’ora magica del primo tramonto così morbido e pieno di colore… Il Cerro Torre – miracolo – si è mostrato senza una nube ma il cielo era pieno di disegni a pennello di forme bianche e azzurre…
La notte ho guardato le stelle.

Rebecca
... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni
Mostra ancora