IMG_0816

Italia

Capodanno alla corte di Matilde di Canossa

  • Min: 4 - Max: 10 (viaggio di gruppo)
  • Periodo: Capodanno

Un insolito Capodanno a piedi sull’Appennino Reggiano nelle terre di Matilde di Canossa, una delle figure più importanti e interessanti del Medioevo italiano. Tra antiche pievi, rocche, castelli e la Pietra di Bismantova all’orizzonte, alla scoperta dell’Appennino e dei suoi sapori.

Programma 4 giorni / 3 notti
1° giorno: ritrovo a reggio Emilia. Escursione al castello delle Carpinete
2° giorno: Carpineti – castello di Sarzano – Crocicchio
3° giorno: Ceredole – Canossa – Rossena
4° giorno: Rossena – Ciano d’Enza

Prima tappa
Ritrovo alla Stazione FFSS di Reggio Emilia entro le ore 12:00. Transfer con bus di linea a Carpineti nel primo pomeriggio ed inizio dell’escursione al castello delle Carpinete che svetta a cavallo di una delle dorsali più suggestive dell’Appennino Reggiano, quella che collega il monte Valestra con il Monte Fòsola e la Pietra di Bismantova. Il Castello, collocato sulla antica Via Matildica, era uno dei perni del sistema difensivo Canossano e residenza preferita da Matilde di Canossa. Ritorno a Carpineti. Cena e pernottamento

Seconda tappa
Colazione e partenza da Carpineti. In Località Riana si incontra la chiesa di San Donnino di Tresinara citata in antichi documenti fin dal 1191, edificata per volere di Matilde di Canossa. Si attraversano le località di Croce di Petrella, Giavello e Rio Minello, si risale lungo un panoramico sentiero fino ad arrivare al castello di Sarzano che fu una delle sedi più importanti del potere matildico Oggi rimangono il mastio, una torre utilizzata come campanile, alcune parti delle mura e i resti della porta d’ingresso. Da qui, attraversando le località Carrobbio e il Ponte si arriva a Crocicchio presso il B&B “il Borgo del Folletto” dove pernotteremo.

Terza tappa
Colazione e partenza: si attraversano campi coltivati e boschi di rovere nelle località di Bergogno, Ceredole dei Coppi e Cavandola, fino ad arrivare a Canossa ed al suo Castello circondato dai suggestivi calanchi che danno al paesaggio un aspetto quasi lunare, fino ad arrivare a Rossena, dove si effettua il pernottamento.

Quarta tappa 
Colazione e partenza: il percorso si snoda tra coltivi e boschi di Roverella lungo la valle del Rio Vico. Un comodo sterrato discende sulla destra della Valle e ci porta fino a Ciano d’Enza da cui si riprendono le ferrovie locali per il rientro a Ciano d’Enza.

N. B il primo giorno si consiglia di arrivare già pronti per camminare, sarà inviata una apposita scheda con tutte le indicazioni del caso al momento dell’iscrizione.

 

Scheda Tecnica

Durata: 4 giorni / 3 notti
Sistemazione: in B&B e Agriturismo
Quota individuale: Euro 360,00
Partecipanti: min. 4 / max 10 partecipanti
Partenza: 30 Dicembre 2019
Difficoltà: facile, adatto a tutti (escursioni giornaliere max 5/6 ore di cammino effettivo)

La quota comprende: n. 3 pernottamenti con prima colazione in B&B / Agriturismo, n. 3 cene, servizio di Guida Escursionistica per tutta la durata del trekking, assicurazione RC e medico – bagaglio

La quota non comprende: tutti i trasporti (treno/bus) da/per Reggio Emilia, tutti i pranzi, tutti gli extra di carattere personale, tutto quanto non riportato alla voce “la quota comprende”

Le prenotazioni devono pervenire entro il 15 dicembre 2019

30 Dicembre 2019

  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
    Smarca la voce qui sopra per essere iscritto/a alla newsletter e ricevere le nostre proposte di viaggio.

Potrebbero interessarti

Italia

Sicilia Occidentale: un Capodanno di Turismo Responsabile

  • Min: 6 - Max: 12 (viaggio di gruppo)
  • Periodo: Autunno Capodanno

Chi ha scelto

di viaggiare con noi

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

1 month ago

Nicola Pirazzini

Con Loro Sono stato in Patagonia e Islanda. Esperienze fantastiche: itinerari completissimi,Strutture,escursioni,trekking, organizzati sempre al meglio, luoghi e persone che rendono il viaggio ogni volta qualcosa di unico. Un abbraccio a Roberto e Antonella e anche all’altro Roberto.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

1 month ago

Cristina Lapucci

Vacanza splendida tra macedonia e Tessaglia con esperienze inusuali. Questa vacanza mi ha permesso di conoscere integralmente persone e luoghi del posto creando una esperienza unica in una sola settimana di viaggio.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

1 month ago

Giove Dante

Tour in Patagonia, viaggio verso la fine del mondo che non ha bisogno di commenti. Solo un grazie alla passione delle guide e alla scelta delle strutture, sembra sempre di stare tra amici.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

1 month ago

Salvatore Sferrazza

Cerro Torre
Ancora 4 ore di cammino verso il Cerro Torre con un preludio di steppe, acquitrini, torrenti impetuosi e alberi dalle pazze forme fra l’essiccato e il verde più accecante. Ai piedi del Ghiacciaio Grande, come in un sogno lunare di pietra e vento si sentiva il rombo della natura che cercava il suo corso per buttarsi nella valle: ma dove?
Il vento ci ha impedito di arrivare al Campo Cesare Maestri e così il ritorno fra le steppe e i boschi è avvenuto in un’ora magica del primo tramonto così morbido e pieno di colore… Il Cerro Torre – miracolo – si è mostrato senza una nube ma il cielo era pieno di disegni a pennello di forme bianche e azzurre…
La notte ho guardato le stelle.

Rebecca
... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni
Mostra ancora