IMG_3523

Nepal e Bhutan in Primavera

TOUR TRA PARCHI NATURALI, VILLAGGI E CULTURA

  • Min: 2 (viaggio individuale)
  • Periodo: Autunno Inverno Primavera

Un viaggio per festeggiare l’arrivo della bella stagione tra le montagne più alte del pianeta, nel paese della spiritualità e della natura. Un tour tra storia e architettura nella Kathmandu dei templi, un tramonto sulla catena himalayana, un safari nella giungla del sud e un salto nella vita rurale vera del popolo nepalese. Ci spingeremo poi sulle montagne dell’Asia, tra Tibet e India, precisamente sulla catena dell’Himalaya, dove esiste uno stato monarchico chiamato Regno del Bhutan. Un paese straordinario, incastonato fra vallate e montagne verdissime, il cuore del buddismo. Un luogo ancora intatto, dove le tradizioni sono radicate a dispetto della modernità del mondo. Una spiritualità che permea ogni cosa ed ogni persona. Un viaggio indimenticabile non solo per le sue bellezze naturali e storiche ma anche per la sua gente, considerata tra le più felice al mondo. Nonostante sia uno dei paesi poveri dell’Asia, il Bhutan registra la percentuale di felicità più alta di tutto il continente e si posiziona all’ottavo posto nella classifica mondiale.

Programma 15 giorni
gg 01: volo Italia-Nepal
gg 02: arrivo a Kathmandu
gg 03: tour di Kathmandu
gg 04: Pokhara
gg 05: Pokhara
gg 06:villaggio di Syangja
gg 07: Syangja. Colazione
gg 08:  Parco Chitwan
gg 09: Chitwan (safari e viaggio in canoa sul fiume).
gg 10:  Kathmandu
gg 11: volo Kathmandu-Paro (Bhutan) e Thimpu
gg 12: visita di Thimpu e rientro a Paro
gg 13: visita di Paro
gg 14: volo Paro-Kathmandu
gg 15: volo di rientro in Italia

GG 01: VOLO ITALIA-NEPAL

GG 02: ARRIVO A KATHMANDU E TEMPO LIBERO
All’arrivo in aeroporto, disbrigo delle formalità e incontro con il rappresentante della Mega . Trasferimento in auto privata in hotel per il check-in. Tempo libero. Pernottamento in hotel.

GG 03: TOUR DI KATHMANDU (PASHUPATINATH, BOUDANATH, BHAKTAPUR, NAGARKOT)
Dopo colazione, tour della città.
PASHUPATINATH: Il più importante sito sacro induista del Nepal, Pashupatinath sorge sulle rive del fiume sacro Bagmati e rappresenta una potente fonte di energia spirituale induista dedicate al dio Shiva nelle vesti della divinità Pashupati, dio
protettore degli animali. Qui vengono effettuate ogni giorno le cremazioni e i corpi vengono adagiati su pire. Dopo un’adeguata cerimonia che consentirà il passaggio dell’anima alla vita successiva, le ceneri
BHAKTAPUR: la terza delle città medievali nella valle di Kathmandu, Bhaktapur è la meglio conservata. La cittadina crebbe per servire l’antica via commerciale tra Tibet e Nepal, India ma ebbe il suo splendore sotto la dinastia dei Malla nel 12mo secolo. Tra il 14mo e il 16mo secolo divenne la più potente dei tre regni dei Malla e venne costruita la Durbar Square nonché 172 templi e monasteri, 77 cisterne di acqua, 152 pozzi e 172 rifugi per i pellegrini. La sua Potenza durò fino al 15mo secolo quando venne conquistata da Prithvi Narayan Shah nel 1768 e la relegò allo stato di seconda città commerciale. Oggi è una cittadina medievale ricca di temple e architetture tipiche dell’etnia Newari con muri di mattoni rossi e costruzioni in legno finemente intarsiato. Sono famose le 3 piazze principali, Durbar, Taumadi, Tachupal. Bhaktapur è rinomata per le scuole di thangka e per la produzione della terracotta.
BOUDANATH: Il quartiere tibetano detiene lo stupa più grande del Nepal e considerato anche il più grande di tutta l’Asia. Storicamente fu un importante punto di ristoro sull’antica via carovaniera tra il Nepa, India e Tibet. I commercianti tibetani scendevano dall’Hymalaya per scambiare sale e lana di yak con riso e spezie provenienti da Nepal e India e pregavano per un viaggio sicuro per il ritorno attraverso gli alti passi himalayani. Divenne poi a tutti gli effetti un quartiere abitato dal popolo tibetano anche a seguito della rivoluzione cinese che costrinse la popolazione locale a emigrare. Oggi lo stupa è circondato da monasteri, negozi, ristoranti tibetani e si possono trovare tutti accessori e prodotti tipici della cultura tibetana di filosofia buddista.

GG 04: PARTENZA PER POKHARA E TEMPO LIBERO
Partenza per Pokhara (6 ore) con sosta lungo il tragitto per il pranzo. Arrivo nel pomeriggio e tempo libero per un giro di Lakeside, il quartiere commerciale e turistico della città. Pernottamento in hotel.

GG 05: TEMPO LIBERO A POKHARA
Giornata libera per una visita di Pokhara, una passeggiata rilassante sul lungolago, un giro alla Pagoda della pace per ammirare il panorama sul lago, città e sulle montagne, visita naturalistica alla cascata Devi e alla grotta di Gupteshwar. E’ possibile rilassarsi e provare un’esperienza mistica con un massaggio di campane tibetane. Pernottamento in hotel

GG 06: PARTENZA PER IL VILLAGGIO DI SYANGJA
Al mattino partenza per Syanjia verso il centro del Nepal a 3 ore da Pokhara. Esploreremo il villaggio, andremo a salutare le famiglie che ci accoglieranno nelle proprie abitazioni offrendoci spuntini di cibo locale, tradizionale e coltivato organico. Il villaggio è famoso per la coltivazione delle arance. Pernottamento in guesthouse/homestay.

GG 07: GIORNATA A SYANGJA
Giornata dedicata al relax, alle escursioni, al contatto con gli abitanti dei villaggi. Pernottamento in homestay.

GG 08: PARTENZA PER IL PARCO DEL CHITWAN
Il parco nazionale di Chitwan è un’area naturale protetta; ed è il parco più antico del Nepal. Fu creato nel 1973, e divenne patrimonio dell’umanità nel 1984. Si trova nel Nepal centro-meridionale, ed esattamente nel distretto di Chitwan, a 200 km dalla capitale Kathmandu. Il parco è ricco di flora e fauna, tra cui una delle ultime popolazioni di rinoceronte indiano a corno unico e di tigre del Bengala.
Nel parco si praticano canoa, cavalcata di elefanti e visite guidate. Il parco di Chitwan ospita almeno 43 specie di mammiferi, 450 di uccelli e 45 di anfibi e rettili.
Elefanti e rinoceronti indiani sono le specie più grandi che si trovano nel parco, ma vi sono anche altri erbivori, gaur, sambar, muntjac indiani, cervi chital, cervi porcini, sirau di Sumatra, antilopi quadricorne e cinghiali selvatici. Questi animali vengono cacciati da tre grandi predatori, leopardi, cani selvatici e tigri, e da mangiatori di carogne quali iene striate. Gli orsi labiati sono tra le principali attrazioni del parco.
I piccoli carnivori sono sciacalli dorati, martore dalla gola gialla, tassi del miele, lontre dal pelo liscio, piccole e grandi civette indiane, civette comuni, piccole anguste indiane, manguste indiane grigie, manguste mangiatrici di granchi, gatti del Bengala, gatti marmorati e gatti pescatori.
Tra gli altri mammiferi ricordiamo macachi rhesus, lemuri grigi, scoiattoli settentrionali delle palme, scoiattoli volanti giganti, porcospini indiani, lepri ispide, lepri indiane e delfini del Gange. Tra i rettili più grandi troviamo coccodrilli e pitoni indiani.

GG 09: GIORNATA IN CHITWAN (SAFARI E VIAGGIO IN CANOA SUL FIUME)
Safari nella giungla per osservare gli animali che popolano il parco: grande rinoceronte indiano a corno unico, orso labiato, cinghiale, diverse specie di cervi, macachi, e con un po’ di fortuna, il leopardo himalayano e la tigre del bengala. Giro in canoa sul fiume Narayani per un’ora di relax e birdwatching (550 specie) e coccodrilli. Possibilità di visitare i villaggi dell’etnia Tharu.
THARU: un’etnia di origine mongola la cui società è organizzata per clan (Dangoura, Kathariya e Rana) ed ogni clan ha caratteristiche culturali proprie. I Tharu praticano una religione animista con elementi di culto degli antenati oltre che induismo e buddismo. I Tharu sono stati per molto tempo una minoranza oppressa in Nepal, costretti in uno stato di servitù chiamato “Kamaiya” che è stato abolito solo nel 2008.
Si sostentano tramite la policoltura di cereali quali riso, grano, orzo e mais. Praticano anche la pesca tramite particolari reti tradizionali. Si sono adattati alle zone forestali da loro abitate e con il passare del tempo hanno sviluppato una resistenza naturale ad alcune malattie, come la malaria.

GG 10: RIENTRO A KATHMANDU
Rientro a Kathmandu (5/6 ore) e tempo libero per lo shopping a Thamel oppure un giro al mercato ortofrutticolo di Asan. Pernottamento in hotel.

GG 11: VOLO KATHMANDU-PARO E TRASFERIMENTO A THIMPU (55 KM, 1,30 ORE)
Volo la mattina presto per Paro. Partenza per Thimpu, la capitale del Bhutan, centro del governo, religione e commercio. Thimpu è una città unica con un mix inusuale di sviluppo modern con antiche tradizioni. Con una popolazione di 90.000 abitanti, è forse ancora l’unica città al mondo senza un semaforo. Partenza per il grande Bhudda (Kuensel Phodrang) da cui si gode di un panorama della valle di Thimpu. Si tratta della più grande statua del paese.
In serata passeggiata in città nella strada principale e nella zona del mercato.

GG 12: VISITA DI THIMPU E RIENTRO A PARO
Dopo colazione visita della valle di Thimpu: National library che ospita una collezione di manoscritti buddisti; l’Istituto Zorig Chusum, la scuola di pittura dove gli studenti sotto i 6 anni si esercitano in un corso di 13 arti tradizionali e di artigianato.
Successivamente visita al museo tessile e delle tradizioni che testimonia la cultura bhutanese. Dopo pranzo, visita al King’s Memorial Chorten continuamente percorso dai buddisti mormorando mantra e facendo girare ruote di preghiera. Visita al Trashichhoe Dzong, la fortezza della gloriosa religione. Rientro a Paro lungo una strada panoramica. Questo è il centro politico e religioso, residenza del monarca Je Khenpo. Costruito nel 1641 da Shabdrung Ngawang Namgyal colui che unificò il Bhutan politicamente e religiosamente, fu ricostruito negli anni 60.
Memorial Chorten: Questo grande chor-ten in stile tibetano è uno degli edifici religiosi più notevoli di Thimphu, e molti credenti bhutanesi lo considerano il fulcro delle loro preghiere quotidiane. Fu costruito nel 1974 in memoria del terzo re, Jigme Dorji Wangchuck (1928-72). Intonacato a calce, il chorten presenta elementi ornamentali dorati e dettagli riccamente intagliati che si affacciano sui quattro punti cardinali, ed è caratterizzato da elaborati mandala, da statue e da un altare dedicato al terzo re, molto amato dal popolo. A qualsiasi ora del giorno il sito è frequentato da fedeli che vi camminano intorno e fanno girare le grandi ruote rituali rosse pregando rivolti verso un piccolo altare situato all’interno del recinto.
Di particolare interesse è la collezione di vecchi orologi vicino alla gigantesca ruota di preghiera che si trova accanto all’entrata principale. È particolarmente tranquillo al mattino presto, quando anziani e ragazzi ben vestiti che vanno a scuola vi entrano per rendere omaggio.

GG 13: VISITA DI PARO-TANA DELLA TIGRE
In mattinata visita del simbolo del Bhutan, il monastero di Taktsang conosciuto come la “Tana della tigre”, uno dei luoghi più sacri e religiosi del Bhutan e mèta di centinaia di pellegrini. La leggenda dice che un santo buddista nominato Guru Padmashambava visitò questo sito per sottomettere gli spiriti maligni e da qui fiorì il buddismo nella parte occidentale del Bhutan nell’ottavo secolo. Si crede che il santo raggiunse il sito volando in groppa a una tigre e scacciando i demoni, permise la diffusione del buddismo nel paese. Gli abitanti iniziarono a chiamarlo “Taktsang” che tradotto in lingua locale significa “tana della tigre”.
L’escursione dura circa 3 ore e raggiunge questo complesso di monasteri buddisti arroccati su uno sperone roccioso a 900 m sulla valle di Paro. Successivamente, visita al Ta Dzong.
TA DZONG: è il museo nazionale del Bhutan, un museo culturale risalente al 1968 e restaurato sotto il regno del re Jigme Dorji Wangchuck, il terzo monarca del Bhutan. Al suo interno, statue di bronzo, pitture e capolavori. Oggi detiene circa 3000 lavori di arte bhutanese coprendo la metà del patrimonio culturale del paese

GG 14: VOLO PARO-KATHMANDU
La mattina presto volo per Kathmandu e tempo libero. Pernottamento in hotel.

GG 15: VOLO DI RIENTRO IN ITALIA
Trasferimento in aeroporto per il volo di rientro in Italia.

Scheda Tecnica

Durata del viaggio:15 giorni / 14 notti
Livello di difficoltà: facile
Tipologia strutture: Hotel *** / Guest-house e Resort
Trasporti: auto privata

Partenza individuale: date su richiesta min 2 pax
Periodo: da ottobre ad aprile

Quotazione individuale: a persona in camera doppia
base 2 persone Euro 2.100,00

Supplemento camera singola: Euro 190,00
Supplemento guida/accompagnatore in italiano per tutto il tour: Euro 680 (da dividersi sui partecipanti)

La quota include:
* trasferimenti da/per aeroporto
* tutti i trasporti interni in auto privata come da itinerario
* entrate ai monumenti nei tour del 3°gg
* Guida turistica in inglese per il tour del 3°gg
* 3 pernottamenti in hotel 3 stelle a Kathmandu con colazione
* 2 pernottamenti in hotel 3 stelle a Pokhara con colazione
* 1 pernottamento in hotel 3 stelle o simile a Nagarkot con prima colazione
* 2 pernottamenti in guesthouse/homestay in villaggio (Syangja)
* pensione completa durante il soggiorno in villaggio (Syangja)
* 2 pernottamenti in Chitwan al Green Mansion resort o simile
* ingresso e attività del parco menzionate in itinerario
* pensione completa durante il soggiorno nel Parco Chitwan
* 2 pranzi lungo il tragitto (Kathmandu-Pokhara giorno 4 e rientro a Kathmandu giorno 10)
* 3 pernottamenti in pensione completa in Buthan in Hotel ***
* guide locali in inglese in Nepal
* guida in inglese in Bhutan
* trasporto privato durante il soggiorno
* 1 bottiglia di acqua ogni giorno per tutto il viaggio
* entrate ai musei, monumenti e nel tour in generale
* visto turistico di ingresso in Bhutan
* tasse governative in Bhutan
* assicurazione medico sanitaria

La quota non include:
* volo internazionale ed interno
* visto turistico per il Nepal (USD 30)
* mance
* spese personali
* pasti a Kathmandu e Pokhara eccetto dove menzionato in itinerario
* bevande alcoliche/analcoliche durante tutto il viaggio
* spese extra dovute a imprevisti, calamità naturali, scioperi, blocchi stradali,
* fondo per lo sviluppo del turismo (Bhutan) – USD 10,00 a persona
* cavallo per l’escursione alla “Tana della tigre” in Bhutan
* servizi extra come lavanderia, spese personali, telefonate, bagno tradizionale bhutanese
* visite extra e in generale tutto ciò che non è menzionato nella voce “Il costo include”

Partenza individuale min 2 pax date su richiesta
  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
    Smarca la voce qui sopra per essere iscritto/a alla newsletter e ricevere le nostre proposte di viaggio.

Potrebbero interessarti

Partenza garantita

Laos e Cambogia

Nel cuore del Mekong e Phnom Penh

  • Min: 2 - Max: 20 (viaggio di gruppo) (viaggio individuale)
  • Periodo: Autunno Capodanno Estate Inverno Primavera

Chi ha scelto

di viaggiare con noi

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

2 months ago

Nicola Pirazzini

Con Loro Sono stato in Patagonia e Islanda. Esperienze fantastiche: itinerari completissimi,Strutture,escursioni,trekking, organizzati sempre al meglio, luoghi e persone che rendono il viaggio ogni volta qualcosa di unico. Un abbraccio a Roberto e Antonella e anche all’altro Roberto.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 months ago

Cristina Lapucci

Vacanza splendida tra macedonia e Tessaglia con esperienze inusuali. Questa vacanza mi ha permesso di conoscere integralmente persone e luoghi del posto creando una esperienza unica in una sola settimana di viaggio.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 months ago

Giove Dante

Tour in Patagonia, viaggio verso la fine del mondo che non ha bisogno di commenti. Solo un grazie alla passione delle guide e alla scelta delle strutture, sembra sempre di stare tra amici.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 months ago

Salvatore Sferrazza

Cerro Torre
Ancora 4 ore di cammino verso il Cerro Torre con un preludio di steppe, acquitrini, torrenti impetuosi e alberi dalle pazze forme fra l’essiccato e il verde più accecante. Ai piedi del Ghiacciaio Grande, come in un sogno lunare di pietra e vento si sentiva il rombo della natura che cercava il suo corso per buttarsi nella valle: ma dove?
Il vento ci ha impedito di arrivare al Campo Cesare Maestri e così il ritorno fra le steppe e i boschi è avvenuto in un’ora magica del primo tramonto così morbido e pieno di colore… Il Cerro Torre – miracolo – si è mostrato senza una nube ma il cielo era pieno di disegni a pennello di forme bianche e azzurre…
La notte ho guardato le stelle.

Rebecca
... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni
Mostra ancora