Kidepo-Valley-National-Park-1

Uganda

Tour classico

  • Min: 6 - Max: 12 (viaggio di gruppo)
  • Periodo: Autunno

Un tour semplice ed essenziale, che si concentra principalmente su quelle che sono le mete più conosciute e richieste da chi solitamente vuole intraprendere un viaggio in questa parte d’Africa: il Parco dei Gorilla di Bwindi, il Santuario dei Rinoceronti, la Riserva degli Scimpanzé di Kyambura. Sempre assistiti da una esperta Guida locale che agevolerà tutte le attività di ricerca ed osservazione della fauna durante le diverse visite.

Programma 10 giorni / 9 notti
1° giorno: Arrivo ad Entebbe – Kampala
2° giorno: ZiwaRhino Sanctuary – Murchison Falls Park
3° giorno: Murchison Falls National Park
4° giorno: Murchison Falls National Park – Fort Portal
5° giorno: Fort Portal – Queen Elizabeth National Park
6° giorno: Kyambura
7° giorno: Queen Elizabeth N.P – Bwindi Gorilla Park
8° giorno: Gorilla Tracking
9° giorno: Lake Mburo National Park
10° giorno: Museo Igongo – Entebbe

Primo giorno: Arrivo – Entebbe – Kampala
Arrivo all’aeroporto internazionale di Entebbe. Dopo aver completato le formalità doganali e di immigrazione, un rappresentante della nostra agenzia vi incontrerà, accoglierà e trasferirà all’alloggio a Kampala. Pernottamento: Humura Resort Kampala, pernottamento e prima colazione.

Secondo giorno: Kampala – ZiwaRhino Sanctuary – Murchison Falls Park
Dopo colazione, partenza per lo Ziwa Rhino Sanctuary. Successivamente si prosegue per il Murchison Falls Park. Pernottamento: Pakuba Safari Lodge, pensione completa

Ziwa Rhino Sanctuary
La storia narra che in Uganda erano presenti sia il rinoceronte bianco che nero – il nero orientale nel nord e nord-ovest e il nord bianco nel nord-ovest sulla riva occidentale del fiume Nilo. Dopo gli anni di disordini civili e il bracconaggio, il rinoceronte si estinse in Uganda nel 1983. Il santuario del rinoceronte di Ziwa è per l’allevamento naturale del rinoceronte. Il suo obiettivo è che ci dovrebbe essere un allevamento di almeno venti rinoceronti nel Santuario di Ziwa Rhino e che i parchi dovrebbero essere abbastanza sicuri con personale ben addestrato nella conservazione e nel monitoraggio dei rinoceronti prima che qualsiasi rinoceronte venga rilasciato nei Parchi nazionali. I rinoceronti hanno un periodo di gestazione di un rinoceronte di 16 mesi e il rilascio di rinoceronti nei Parchi nazionali è un processo che deve essere approvato dal gruppo di specialisti del rinoceronte africano e dal gruppo di specialisti del rinoceronte dell’Africa orientale.

Terzo giorno: Murchison Falls National Park
Al mattino, dopo la colazione, partiamo per un safari mattutino dove vedremo numerosi animali selvatici tra cui leoni, elefanti e splendide praterie. Rientro al lodge per pranzo. Nel pomeriggio, faremo un’escursione in barca alla base delle possenti cascate di Murchison. Dalla barca, vedremo più fauna selvatica che include ippopotami e una grandissima varietà di specie di uccelli. Pernottamento: Pakuba Safari Lodge, pensione completa

L’area di Conservazione delle Cascate Murchison, di circa 7.000 km quadrati, la più grande dell’Uganda, è composta da Murchison Falls National Park, Karuma Game Reserve e Bugungu Game Reserve, tra gli altri. Le foreste di Budongo e KaniyoPabidi, si trovano all’interno dell’area. È un habitat straordinario per la fauna selvatica, gli uccelli e la vegetazione. Coccodrilli, ippopotami, elefanti e uccelli tra cui la rara cicogna becco a scarpa, si trovano sulle rive del Nilo. Con oltre 1000 scimpanzé nelle foreste di Budongo e KaniyoPabidi, si pensa che Murchison abbia il maggior numero di scimpanzè della regione. Il tour sul fondo delle cascate, della durata di circa 3 ore, è indimenticabile: uccelli, elefanti, bufali, coccodrilli e ippopotami sulle rive del Nilo. Dalla macchina invece si possono vedere anche fufalo, leopardo, antilope, giraffa di Rothschild, alcelafo, cobo e leone. Sono state qui registrate oltre 450 specie di uccelli.

Quarto giorno: Murchison Falls National Park – Fort Portal
Dopo la prima colazione, faremo un piacevole giro in auto verso Fort Portal, passando per Hoima e il Lago Albert, con la visita dei villaggi di pescatori e delle comunità locali. Arrivo al lodge per pranzo e pomeriggio libero. Pernottamento: Chimpanzee Forest Guest House, pensione completa

Quinto giorno: Fort Portal – Queen Elizabeth National Park
Dopo colazione, visita alla zona umida di Bigodi Swamp e, successivamente, proseguimento per il Parco Nazionale Queen Elizabeth, fermandosi a Fort Portal per pranzo. Successivamente si procede al Parco Nazionale Queen Elizabeth, per cena e pernottamento. La sera, un giro in auto nel parco.Pernottamento: Buffalo Safari Lodge, pensione completa

Parco Nazionale Queen Elizabeth
Il Queen Elizabeth National Park, sotto i famosi Monti Rwenzori, è un parco di savane africane, costituito da un ambiente semplice. Il parco che fa parte del braccio occidentale della Grande Rift Valley dell’Africa orientale è incentrato sul lago Edward e sul lago George. Il tour in barca lungo il Canale Kazinga che collega questi due laghi è particolarmente utile per osservare ippopotami, bufali, elefanti e una grande moltitudine di uccelli per un totale di oltre 500 specie! Intorno a Ishasha si va a caccia dei famosi leoni che si arrampicano sugli alberi che siedono con disinvoltura nei rami superiori degli alberi ad alto fusto! La bellissima gola boscosa di Kyambura, nelle vicinanze, ospita non solo gli scimpanzé ma anche la scimmia dalla coda rossa, il Colobo bianco e nero e molte specie di uccelli.

Sesto giorno: monitoraggio degli scimpanzé nella gola di Kyambura
Dopo colazione, trasferimento al punto di partenza per l’esperienza di tracciamento degli scimpanzé.
L’aspettativa di vita di uno scimpanzé è di 40 anni, mentre per quelli che vivono in cattività può estendersi fino a 60 anni. Nel pomeriggio faremo una gratificante crociera in barca sul Canale di Kazinga dove godremo di una buona vista del bellissimo paesaggio e vegetazione. Pernottamento: Buffalo Safari Lodge, pensione completa

Gli scimpanzé sono i parenti più stretti degli umani che condividono circa il 98% della loro composizione di DNA con gli umani. Sono socievoli, intelligenti oltre che comunicativi e tra i loro tratti molto affascinanti c’è la capacità di utilizzare strumenti come rocce per schiacciare noci, baccelli vuoti per raccogliere acqua e bastoncini per catturare termiti dai loro buchi. Queste abilità sono state a lungo tramandate di generazione in generazione e i ricercatori affermano che truppe diverse hanno compiti specialistici, basati sul loro habitat e sulla dieta. Gli scimpanzé rimangono in gruppi di 10 – 100 membri. Possono fare da babysitter ai giovani, baciarsi, pulirsi e persino tenersi per mano. I giovani scimpanzé diventano indipendenti all’età di 4 anni. Tuttavia, gli scimpanzé possono essere aggressivi e non socievoli, soprattutto se disturbati. Sebbene trascorrano un po’ di tempo a terra, di solito si nutrono e fanno i nidi addormentati sugli alberi. La loro dieta varia con foglie, semi, frutta e fiori.

7 ° giorno: Queen Elizabeth N.P – Bwindi Gorilla Park
Dopo la colazione, attraversiamo il settore Ishasha con la possibilità di vedere leoni che si arrampicano sugli alberi e, successivamente, trasferirsi nel Parco nazionale impenetrabile di Bwindi. Pernottamento: Gorilla Encounter Lodge, pensione completa

Il Parco Nazionale della Foresta Impenetrabile di Bwindi si trova nell’Uganda sud-occidentale ai margini della Rift Valley occidentale. È una delle più grandi foreste naturali dell’Africa orientale, con foreste sia montane che di pianura. Circa la metà della popolazione mondiale di gorilla di montagna – circa 300 animali – si trova a Bwindi. Tre famiglie sono abituate a Buhoma: Mubare, Habinyanja e Rushegura (per ciascuna di queste famiglie di gorilla vengono rilasciati 8 permessi al giorno); due famiglie di gorilla sono abituate ai turisti a Ruhija (famiglie Bitukura e Oruzuogo Gorilla); e quattro famiglie sono abituate a Bwindi sud: Nkuringo, Nshongi, Kahungye, Mgahinga e Mishaya (sono disponibili 8 permessi al giorno), facendo sì che l’Uganda accolga fino a 80 permessi al giorno. Il monitoraggio inizia ogni mattina dal quartier generale del parco alle 08:30, ma i clienti devono arrivare al quartier generale alle 08:00, pronti per un briefing dettagliato dalle guide sull’etichetta del gorilla. Il monitoraggio dei gorilla è un’attività buona tutto l’anno, indipendentemente dalla stagione. La foresta pluviale è umida e piove spesso a Bwindi, anche nella stagione secca. I portatori sono disponibili per trasportare gli effetti personali dei clienti. Il Bwindi è ricco di altri primati, tra cui lo scimpanzé e il cercopiteco del diadema. Le farfalle si distinguono nella ricca fauna di insetti del parco, con oltre 200 specie. Vi è una grande varietà di alberi, un denso sottobosco, una vasta distesa di bambù e un certo numero di paludi. Ci sono anche una serie di percorsi naturalistici nel parco per esplorare questa foresta africana primordiale fino alla cascata, lungo il sentiero Rushura, con alcune ampie vedute sul Lago Edward e il Rwenzoris; e alla palude di Mubwindi vicino a Ruhija per alcune insolite specie di uccelli. I gorilla di montagna vivono in boschi alti nelle montagne, ad altitudini da 2400 a 4.000m. Hanno una pelliccia più spessa, comparata ad altre grandi scimmie. La pelliccia li aiuta a sopravvivere in un habitat dove le temperature spesso si avvicinano al gelo.

Ottavo giorno: Gorilla Tracking
Dopo colazione, partenza per il Gorilla tracking (soggetto a disponibilità dei permessi gorilla al momento della prenotazione), con pranzo al sacco. Saremo accompagnati da una guida e portatori che porteranno il nostro zaino.
Partiremo per la fitta foresta in cerca di gorilla. Il terreno può essere difficile, con pendii ripidi coperti da una fitta vegetazione che cui il nome al parco. Inoltre, l’altitudine di 1500m e più, significa che i partecipanti devono essere fisicamente in forma. Il tempo impiegato per rintracciare i gorilla varia enormemente, da appena mezz’ora a ben 8 ore prima del ritorno in hotel. La difficoltà, tuttavia, non è impossibile e vale la pena confrontarsi con i grandi primati!

Per rintracciare i gorilla ogni persona deve avere il permesso del giorno che deve essere organizzato e pagato in anticipo. Ogni parco di gorilla ha un numero diverso di permessi al giorno. Non è consentito fotografare con il flash e si consiglia ai visitatori di utilizzare le fotocamere, a una distanza di almeno 5 metri dagli animali. Tracciare attraverso la fitta giungla, attraversare il fitto sottobosco può essere duro, arduo e umido – il tracciamento può durare da un minimo di 45 minuti a un massimo di 9 ore. Pertanto, i tracker devono essere ben equipaggiati con cibo e acqua, indumenti resistenti all’acqua e devono essere in forma e sani. Si devono portare vestiti forti e leggeri, oltre a giacche da pioggia, una torcia, occhiali da sole, un cappello da sole, guanti per afferrare la vegetazione, calze. Usare stivali da giungla, camicia a maniche lunghe. Potrebbe essere necessario un bastone da passeggio. I portatori possono essere assunti per trasportare attrezzature per tutti i tracker (le tariffe variano tra $ 5-20 per porter al giorno). Parte delle tasse pagate alle autorità del parco vanno direttamente ad aiutare le comunità locali nelle aree protette.
Pernottamento: Gorilla Encounter Lodge, pensione completa

Giorno 9: trasferimento al Lake Mburo National Park
Dopo la colazione, proseguimento per il centro culturale Igongo. Pranzo e la sera un giro nel Lake Mburo Park. Rientro al lodge. Hotel Igongo Country, Pensione Completa

Decimo giorno: visita al Museo Igongo – partenza per Entebbe
Dopo colazione, visita al museo Igongo che mostra la cultura locale ed infine un breve giro in auto mentre esciamo dal parco per trasferirsi ad Entebbe per il volo di ritorno. Solo colazione

Scheda Tecnica

Durata: 10 giorni / 9 notti
Partenze 2020: 10 Settembre
Partecipanti: min 6 / max 12
Quota individuale: da Euro 3.000,00
Sistemazione: Hotel – Lodge, in camera doppia con servizi privati

La quota comprende: Accoglienza in aeroporto; Alloggi e pasti come da itinerario; Colazione giornaliera tranne il primo giorno;; Crociera in barca nel Murchison Falls National Park; Crociera in battello nel Parco Nazionale Queen Elizabeth; Safari Walk nel Lake Mburo National Park; Permesso Gorilla per persona in Bwindi; Permesso di scimpanzé in Kyambura; Permesso Ziwa Rhino per persona; Passeggiata nella Bigodi Swamp; Visita dei laghi del cratere; Acqua potabile in bottiglia minerale; Guida di lingua inglese; Trasferimentida e per l’aeroporto di Entebbe; Tutti i trasferimenti; Land cruiser in 4×4 con autista locale; Polizza medico – bagalio EuropAssistence

La quota NON comprende: Volo intercontinentale; Pasti a Entebbe, Kampala e Jinja; Mance; Qualsiasi oggetto di natura personale; Visti d’ingresso (ca. 90 euro); Tutte le attività opzionali e quanto non espressamente indicato ne “la quota comprende”.

10 Settembre 2020

  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
    Smarca la voce qui sopra per essere iscritto/a alla newsletter e ricevere le nostre proposte di viaggio.

Potrebbero interessarti

Partenza garantita

Messico

Gran tour del Messico

  • Min: 2 - Max: 20 (viaggio di gruppo)
  • Periodo: Autunno Capodanno Estate Inverno Primavera

Chi ha scelto

di viaggiare con noi

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

1 years ago

Nicola Pirazzini

Con Loro Sono stato in Patagonia e Islanda. Esperienze fantastiche: itinerari completissimi,Strutture,escursioni,trekking, organizzati sempre al meglio, luoghi e persone che rendono il viaggio ogni volta qualcosa di unico. Un abbraccio a Roberto e Antonella e anche all’altro Roberto.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

1 years ago

Cristina Lapucci

Vacanza splendida tra macedonia e Tessaglia con esperienze inusuali. Questa vacanza mi ha permesso di conoscere integralmente persone e luoghi del posto creando una esperienza unica in una sola settimana di viaggio.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

1 years ago

Giove Dante

Tour in Patagonia, viaggio verso la fine del mondo che non ha bisogno di commenti. Solo un grazie alla passione delle guide e alla scelta delle strutture, sembra sempre di stare tra amici.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

1 years ago

Salvatore Sferrazza

Cerro Torre
Ancora 4 ore di cammino verso il Cerro Torre con un preludio di steppe, acquitrini, torrenti impetuosi e alberi dalle pazze forme fra l’essiccato e il verde più accecante. Ai piedi del Ghiacciaio Grande, come in un sogno lunare di pietra e vento si sentiva il rombo della natura che cercava il suo corso per buttarsi nella valle: ma dove?
Il vento ci ha impedito di arrivare al Campo Cesare Maestri e così il ritorno fra le steppe e i boschi è avvenuto in un’ora magica del primo tramonto così morbido e pieno di colore… Il Cerro Torre – miracolo – si è mostrato senza una nube ma il cielo era pieno di disegni a pennello di forme bianche e azzurre…
La notte ho guardato le stelle.

Rebecca
... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni
Mostra ancora