Veneto- Valdobbiadene Tour tra le colline del Prosecco

Passeggiata enogastronomica alla scoperta di un nuovo patrimonio dell’umanità

  • Min: 4 - Max: 15 (viaggio di gruppo) (viaggio individuale)
  • Periodo: Autunno Estate

Le colline del Prosecco sono un’opera d’arte di terrazzamenti e forme geometriche incredibili in cui perdersi per vivere un’esperienza enogastronomica all’insegna del “local” della tradizione veneta. La zona di produzione del vino bianco famoso in tutto il mondo copre un’area di circa 9000 ettari nella provincia di Treviso, nel nordest d’Italia, e si estende da ovest a est definendosi l’area di produzione del Conegliano- Valdobbiadene DOCG.
Il panorama è caratterizzato dai cosiddetti ciglioni, terrapieni sui quali sono stati realizzati terrazzamenti stretti ed erbosi, creando un particolare scenario a scacchiera costituito da filari di viti paralleli tra di loro e verticali rispetto ai declivi.
Nelle terre del Prosecco bellezza e gusto si fondono magistralmente invitando i visitatori a intraprendere un viaggio di scoperta tra cantine e piccoli borghi immersi tra terrazzamenti e vigneti, abbazie e fortezze, tra un bicchiere di vino e una degustazione di formaggi e salumi locali , accompagnati da piatti della tradizione trevigiana.

Tour di gruppo di 2 giorni con proposte di estensioni in Veneto e Friuli

E’ possibile proseguire individualmente il vostro soggiorno alla scoperta dei territori e delle tradizioni del Veneto e del Friuli. Il programma può essere modulato in base ai vostri interessi e ai giorni a disposizione.

1° giorno, sabato
Arrivo dei partecipanti nel pomeriggio a Valdobbiadene e sistemazione presso la struttura ricettiva prenotata. Incontro con la coordinatrice del tour. Faremo insieme un aperitivo “Spritz”, drink ormai famoso in tutta Italia in un locale tipico per una presentazione del programma.
La cena è libera. La coordinatrice illustrerà le possibilità di scelta e proporrà una cena di gruppo. Pernottamento

2° giorno, domenica
Prima colazione. Ci spostiamo con mezzi propri sulla strada del Prosecco, giusto un paio di chilometri fuori dal centro per incontrare la guida naturalistica e la coordinatrice del gruppo. Partenza a piedi per una passeggiata che ci porterà nel cuore di questa zona e della sua preziosa ricchezza riconosciuta patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel luglio del 2019. Seguiremo un percorso in saliscendi tra le verdi colline del prosecco, nella zona di produzione di questo famoso vino bianco esportato oggi in tutto il mondo con più di 90 milioni di bottiglie all’anno. Attraverseremo vigneti e stradine tra i paesi adagiati su una vallata stretta tra le Prealpi Trevigiane a nord e le dolci montagne di Farra e Guia ricoperte di boschi a sud. Nela tarda mattinata faremo una sosta in una cantina nel paese di Santo Stefano nel cuore dell’area del Prosecco. Il proprietario, un viticoltore che lavora la propria terra e produce un prosecco spumante di alta qualità ci accoglierà con una merenda a base di prodotti rigorosamente locali e fatti in casa come la “sopressa”, il salame e i formaggi di malga delle Prealpi Trevigiane. Continueremo il nostro giro scendendo verso il paesino del Follo, in una posizione panoramica straordinaria che spazia a 360 gradi e ci avvicineremo ai piedi delle colline di sud, ricoperte di boschi alternati a qualche vigneto che qui è particolarmente in pendenza. Risaliremo verso la vallata in un percorso sterrato e mediamente pianeggiante verso il paese di Guia, l’ultima frazione del comune di Valdobbiadene lungo la strada del Prosecco in direzione Conegliano. La nostra escursione si concluderà presso una bellissima cantina a Guia con un panorama su tutta la vallata. Dopo una piccola visita e un’introduzione sulle tecniche di lavorazione del Prosecco, ci delizieremo con un rinfresco a base di prodotti tipici del trevigiano rigorosamente fatti in casa. Sarà possibile anche acquistare vino per chi lo desiderasse, l’azienda si incaricherà del trasporto fino al nostro hotel.
Nel primo pomeriggio partenza per il rientro a piedi verso San Pietro di Barbozza

Scheda Tecnica:

Tipo di viaggio: viaggio di gruppo con guida e accompagnatore (massimo 15 partecipanti)
Trasporto: auto propria (i partecipanti che non dispongono di auto propria potranno mettersi in contatto con gli altri per condividere posti auto e costi)
Sistemazione: camera privata hotel 3 stelle o b&b con bagno privato
Pasti inclusi: sabato: aperitivo. Domenica: colazione, merenda di metà mattina, pranzo/degustazione
Percorso: a piedi, medio-facile, leggeri saliscendi, 14 km circa in totale con andata e ritorno allo stesso punto di partenza
Abbigliamento consigliato: comodo, casual da escursione, scarpe trekking/escursione
Degustazioni vini incluse:
Merenda 3 tipologie di vini in assaggio (spumante brut, extra dry e frizzante rifermentato in bottiglia)
Rinfresco/Pranzo: 3 tipologie di vini in assaggio (spumante brut, extra dry o vino tranquillo a scelta e “faustino” un vino dolce e liquoroso in abbinamento alla pasticceria secca)

E’ possibile inoltrare richieste specifiche in base ad eventuali intolleranze alimentari e richieste per vegetariani previa segnalazione in fase di prenotazione (non sono gestibili richieste specifiche da part e di vegani e celiaci)

Partenze: 22 agosto e settembre  e ottobre in date da definire

Quota individuale: € 190 (minimo 4 partecipanti)
Supplemento singola: € 25

E’ possibile proseguire individualmente il vostro soggiorno alla scoperta dei territori e delle tradizioni del Veneto e del Friuli. Il programma può essere modulato in base ai vostri interessi e ai giorni a disposizione. Qui sotto alcune nostre proposte.

Proposta 1: Prolunghiamo il soggiorno a Valdobbiadene per approfondire la conoscenza del territorio.
– Proseguiamo con visita del centro storico di Asolo con una passeggiata sui colli Asolani e la degustazione del Montello DOC.
– Dal punto di vista artistico sono di notevole interesse Villa Barbaro del Palladio e casa-museo del Canova a Possagno.
– Bassano del Grappa: visita del centro storico, degustazione della grappa Poli e visita del museo della distilleria
– Monte Grappa: escursione a cima Grappa e alle trincee del monte Palon, testimonianza degli eventi bellici della Grande Guerra sul Piave

Proposta 2: Altopiano di Asiago: natura, storia e tradizioni
– L’Altopiano di Asiago è terra dai dolci pendii e panorami mozzafiato. Numerose sono le escursioni e le attività che offre.
– L’Altopiano fu teatro di guerra durante il primo conflitto mondiale. Diverse escursioni portano ai numerosi luoghi di interesse storico: trincee, cannoniere, postazioni di artiglieria.
– Asiago, patria del famoso formaggio DOP. Possiamo conoscerlo attraverso una interessante escursione alle malghe per farci raccontare la tradizione dall’allevamento al pascolo alla stagionatura
– Scendendo a valle troviamo Marostica con la famosa piazza degli scacchi, Cittadella, fortificata con la sua cinta muraria ellittica e poi le città d’arte del Veneto: Vicenza, Padova e naturalmente Venezia.
– la zona dei colli Euganei con i suoi borghi affascinanti e per concludere relax alle terme di Abano.

Proposta 3: il Friuli, dalla diga del Vajont a San Daniele attraversando le dolomiti friulane
– da Valdobbiadene ci dirigiamo verso Conegliano e l’altopiano del Cansiglio. Il territorio è molto interessante perché si trovano numerosi fenomeni carsici come doline e inghiottitoi, circondati da una spettacolare foresta. Sugli alpeggi è tradizione la produzione di diversi formaggi di malga. Si organizzano escursioni diurne per avvistamento animali e serali per sentire i bramiti dei cervi.
– Proseguendo verso le Dolomiti Friulane la strada ci porta a Longarone, Erto, Casso e la tristemente famosa diga del Vajont. Qui una visita guidata permette di accedere alla diga e di percepire ancora oggi l’entità della tragedia procurata dalla frana del monte Toc nel ’63. Il nostro percorso procede attraverso scenari montani affascinanti passando il lago di Barcis per poi arrivare a San Daniele.
– San Daniele del Friuli: visita di un prosciuttificio e degustazione del famoso prosciutto crudo e di Gemona, il suo centro storico medioevale ormai completamente ricostruito dopo il terremoto custodisce numerosi tesori.
– Rientrando suggeriamo la sosta a Udine e i capolavori del Tiepolo e Palmanova, città fortezza con una cerchia muraria a forma di stella

22 agosto 2020 settembre 2020 (da definire)

 3-10-24 e 31 ottobre 2020

  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
    Smarca la voce qui sopra per essere iscritto/a alla newsletter e ricevere le nostre proposte di viaggio.

Potrebbero interessarti

Patagonia

La Penisola di Valdes e i parchi naturali della Patagonia

  • Min: 8 - Max: 12 (viaggio di gruppo) (viaggio individuale)
  • Periodo: Autunno Inverno

Chi ha scelto

di viaggiare con noi

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

11 months ago

Nicola Pirazzini

Con Loro Sono stato in Patagonia e Islanda. Esperienze fantastiche: itinerari completissimi,Strutture,escursioni,trekking, organizzati sempre al meglio, luoghi e persone che rendono il viaggio ogni volta qualcosa di unico. Un abbraccio a Roberto e Antonella e anche all’altro Roberto.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

11 months ago

Cristina Lapucci

Vacanza splendida tra macedonia e Tessaglia con esperienze inusuali. Questa vacanza mi ha permesso di conoscere integralmente persone e luoghi del posto creando una esperienza unica in una sola settimana di viaggio.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

11 months ago

Giove Dante

Tour in Patagonia, viaggio verso la fine del mondo che non ha bisogno di commenti. Solo un grazie alla passione delle guide e alla scelta delle strutture, sembra sempre di stare tra amici.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

11 months ago

Salvatore Sferrazza

Cerro Torre
Ancora 4 ore di cammino verso il Cerro Torre con un preludio di steppe, acquitrini, torrenti impetuosi e alberi dalle pazze forme fra l’essiccato e il verde più accecante. Ai piedi del Ghiacciaio Grande, come in un sogno lunare di pietra e vento si sentiva il rombo della natura che cercava il suo corso per buttarsi nella valle: ma dove?
Il vento ci ha impedito di arrivare al Campo Cesare Maestri e così il ritorno fra le steppe e i boschi è avvenuto in un’ora magica del primo tramonto così morbido e pieno di colore… Il Cerro Torre – miracolo – si è mostrato senza una nube ma il cielo era pieno di disegni a pennello di forme bianche e azzurre…
La notte ho guardato le stelle.

Rebecca
... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni
Mostra ancora