Kirkjubæjarklaustur

Kirkjubæjarklaustur (in lingua islandese: convento della chiesa della fattoria) è un villaggio di circa 120 abitanti, situato nel sud dell’Islanda a metà strada tra Vík í Mýrdal ed Höfn, ed attraversato dalla strana N 1 islandese, la Hringvegur.
Il villaggio è di notevole interesse storico: si ritiene che prima ancora della comparsa dei primi insediamenti in Islanda, alcuni monaci irlandesi vivessero qui. Dal 1186 per circa 400 anni, fino al tempo delle riforme, Kirkjubæjarklaustur è stato sede di un noto monastero di suore benedettine, dal quale prendono il nome una cascata (Systrafoss, letteralmente cascata delle sorelle) ed un lago (Systravatn, lago delle sorelle) situato nella zona collinare circostante. Diverse storie folkloristiche narrano di questo monastero, facendo riferimento a suore virtuose così come a suore peccatrici, e menzionando un tesoro presente nel lago.


Oggi il villaggio è un importante centro di servizi per le fattorie della regione e per i turisti. Molti abitanti di Reykjavík, la capitale d’Islanda, possiedono delle capanne in prossimità di uno dei laghi vicini, e sono soliti alloggiarvi nel fine settimana. La prosperità del villaggio è in gran parte dovuta alla sua locazione: Kirkjubæjarklaustur si trova infatti vicino ad attrazioni turistiche quali i crateri di Laki, la faglia di Eldgjá, ed il Parco nazionale di Skaftafell.
Un’ulteriore attrazione turistica vicina al villaggio è il curioso fenomeno Kirkjugólf (letteralmente Pavimento della Chiesa), un lastricato basaltico naturale, costituito di colonne di basalto profondamente interrate, delle quali emergono solo le estremità superiori; dal 1987 fa parte dei monumenti naturali islandesi.
Nelle vicinanze del villaggio si trova il canyon Fjadrargljufur, magnifico e imponente, profondo circa 100 metri e lungo circa due chilometri.


Il canyon ha pareti a strapiombo ed è un po’ tortuoso e stretto. Un percorso segnalato ed attrezzato consente di seguire buona parte dello sviluppo del canyon dall’alto.

Potrebbero interessarti

godafoss

Godafoss

Goðafoss (dall’islandese: “cascata degli dèi”) è una delle cascate più note e spettacolari d’Islanda, situata all’inizio della pista Sprengisandur. Le acque del fiume Skjálfandafljót cadono per circa 12 metri su una larghezza di ca.30 m. Il nome di questa cascata deriva da una leggenda secondo la quale, nell’anno 999...

krafla 2

Il sistema vulcanico di Krafla

Il sistema vulcanico del Krafla consiste di una caldera vulcanica basaltica e di uno sciame di fessure allungate. Quest’ultimo è largo 10 km e lungo 100 km, con direzione nord-sud. Il vulcano centrale Krafla è più vecchio di 200 000 anni e consiste di una caldera larga 10 km...

foto libro

Libri per partire: “Storia meravigliosa dei viaggi in treno” di Per J. Andersson

Scrittore e giornalista, Andersson è cofondatore della rivista svedese di viaggi “Vagabond”. Autore di numerose guide e reportage di viaggio. Vive a Stoccolma ed ha un’approfondita conoscenza dell’India, che ha visitato in lungo e in largo negli ultimi trent’anni. Molto spesso spostandosi in treno. In questo interessante e, perché...