Myvatn

Mývatn (in lingua islandese: lago dei moscerini) è il quarto lago naturale per superficie dell’Islanda.
Ha una superficie di 37,3 km² e una profondità massima di 4,5 m; si trova a 277 m s.l.m.
È situato in un’area estremamente vulcanica, che ha visto dal 1975 al 1984 nove eruzioni. Sulle sponde sono presenti formazioni laviche create dalle colate incandescenti a contatto con l’acqua fredda, che in alcune zone hanno formato strutture dette “castelli neri” per il colore della roccia lavica, oppure labirinti nei quali si diramano sentieri percorribili. In altre zone vi sono formazioni dette “pseudo-crateri” create da violente esplosioni di lava bollente, sopra i 1000–1100 °C, spinta con forza nell’acqua fredda; esse si diramano verso lo specchio d’acqua, dando origine in alcuni casi a collinette che dominano il lago e l’area circostante. A breve distanza si possono scorgere pennacchi di fumo bianco proveniente da piccoli crateri comunicanti col sottosuolo e la sagoma del principale vulcano attivo della regione: il Krafla.
Poco distante dal lago corre la Dorsale Medio Atlantica, la faglia che divide le placche continentali di Europa e America e che attraversa l’intera isola da nord a sud per poi proseguire lungo il fondo dell’intero Oceano Atlantico: essa è in perenne attività allontanando Europa e America al ritmo di dieci-venti millimetri l’anno.

 

Potrebbero interessarti

godafoss

Godafoss

Goðafoss (dall’islandese: “cascata degli dèi”) è una delle cascate più note e spettacolari d’Islanda, situata all’inizio della pista Sprengisandur. Le acque del fiume Skjálfandafljót cadono per circa 12 metri su una larghezza di ca.30 m. Il nome di questa cascata deriva da una leggenda secondo la quale, nell’anno 999...

castelluccio la fioritura

Dai Monti Sibillini: Sergio ci racconta le sue emozioni

Esperienza incredibile, un’immersione completa nella natura che ha stimolato di continuo i 5 sensi: la vista con panorami dai colori intensi, l’olfatto stimolato dal profumo dei fiori selvatici trovati lungo i sentieri ed i prati, l’udito dai canti degli uccelli e dal silenzio dei boschi, il gusto dei della...

IMG_8731

Andalusia Natura e Tradizione

Coto Donana – paesaggi che cambiano tra stormi di uccelli Dichiarato nel 1994 Patrimonio dell’Umanità il Parco Nazionale di Coto Donana è una delle zone umide più belle d’Europa. La particolarità è che in un solo giorno di visita, entrando nel parco, attraversiamo degli ecosistemi tra loro molto diversi...