Thingvellir

Nessun viaggio in Islanda è completo senza una visita al Parco Nazionale di Thingvellir.
Questo sito storico offre non solo superba geologia, ma anche un’immersione nella storia islandese. Thingvellir è il sito originale dell’Althing, l’assemblea generale della comunità islandese (930-1262). Esso fu fondato nel 930 ed è operante tutt’ora, rendendolo il più vecchio parlamento operante d’Europa. Nei giorni della comunità, ogni anno i capi ed i loro seguaci si ritrovavano a Thingvellir per discutere dei loro problemi. Le leggi venivano recitate dal “lettore della legge” sul Loberg – un piedistallo naturale fatto di lava – usando le mura dell’Almannagja come cassa di risonanza alle sue parole.
Thingvellir è realmente il cuore della cultura islandese ed esso è stata la sede per alcuni dei più significanti eventi nella storia del paese, forse nessuno così importante come l’adozione del cristianesimo nell’anno 1000, che venne deciso da un dibattito politico nell’Althing. La ragione principale pare fosse che la maggioranza voleva mantenere la pace e l’unità in tutta la nazione e prevenire la guerra civile tra gli estremisti di entrambi gli schieramenti, seguaci del vecchio credo e del cristianesimo. I documenti dell’evento offrono anche una rara indicazione della contemporanea conoscenza di eruzioni vulcaniche.
Sempre a Þingvellir, venne proclamata nel 1944 l’indipendenza del paese.

Osservando l’area di Thingvellir dal suo principale punto panoramico, è immediatamente chiaro che la geologia dell’area è una delle distensioni dei fondali oceanici, dimostrando l’intricata organizzazione della fratturazione crostale e del vulcanesimo di questa isola. Il substrato roccioso dell’area consiste di lave basaltiche che ricoprono la parte centrale del bacino lacustre, conosciuto come il graben* di Thingvellir, e le lave a cuscino e le ialoclastiti, formanti le creste e le montagne tavola allineate lungo la periferia del bacino. Il graben di Thingvellir è completamente circoscritto lungo tutti i lati da vulcani che appartengono a quattro sistemi vulcanici attivi.
*) zona in cui la crosta terrestre risulta sprofondata sempre a causa di un campo di stress di tipo distensivo

Forse la più drammatica struttura in Thingvellir è la gigantesca spaccatura dell’Almannagja, dove il suolo è stato semplicemente lacerato dalle forze della distensione del fondale marino. Almannagja è lunga 7.7 km, la sua maggiore ampiezza è di 64 m, ed il dislivello di 30-40 m. La faglia dell’opposto confine, Hrafnagja, è lunga 11 km, 68m di ampiezza massima, ed ha un dislivello massimo di 30m. Queste, ed altre faglie di confine del graben di Thingvellir, si pensa siano l’espressione superficiale di faglie normalmente radicate in profondità che si estendono attraverso la crosta, formate come risultato della distensione del fondale marino. Entro il graben di Thingvellir sono aperte numerose fessure formatesi con lo stesso processo.
Durante i passati 9000 anni il pavimento del graben ha subito una subsidenza di circa 40m (in media 1 mm/anno) tra Almannagja e Hrafnagja, ed una estensione orizzontale stimata dell’ordine di 70 m (circa 7 mm/anno). La tettonica entro il graben è episodica, ed individuali episodi tettonici sono associati a movimenti verticali ed orizzontali dell’ordine di alcuni metri. Il più recente episodio di tettonica avvenne nel 1789, quando il pavimento del graben subsidette 1-3 m, con la conseguenza che il piano del vecchio parlamento divenne inutilizzabile quale luogo d’incontro per l’annuale assemblea dell’Althing. Da allora l’Althing risiede in Reykjavik.


Thingvallavatn, il più grande lago d’Islanda, copre 82kmq e riempie la parte più profonda del graben. Con una profondità massima di 114m, il suo fondale scende sino a 10m sotto il livello del mare. L’attuale lago Thingvallavatn iniziò a formarsi circa 9700 anni fa come un lago preglaciale sul fronte del ghiacciaio in regressione. Come il ghiacciaio si ritirò oltre, i fiumi nati dall’area del ghiacciaio Langjokull si scaricarono entro il bacino e di conseguenza il lago crebbe sino ad una dimensione simile all’attuale. Eruzioni di 9000 anni fa ebbero un profondo impatto sul carattere idrologico del graben di Thingvellir perchè tagliarono fuori i fiumi glaciali dalla parte settentrionale e ridussero la dimensione del lago più del 50%. Da allora, le acque di fusione glaciali che provenivano dalla parte meridionale del Langjokull, sono percolate attraverso le formazioni di lava porosa, sottostando ad un naturale processo di filtraggio, prima di scaricarsi come acqua di sorgente nel lago. Come risultato di questo regolare processo di scarico e la continua subsidenza del pavimento del graben lungo gli ultimi 9000 anni, il lago è cresciuto gradualmente in superficie sino all’attuale dimensione.

 

Potrebbero interessarti

libro

Libri per partire: “Gente indipendente” di H. Laxness

Gli islandesi sono un popolo di scrittori, oltre che di lettori. Si dice infatti che per ogni islandese che legge, ce ne sia uno che scrive! non sappiamo quanto sia vera questa affermazione, ma sicuramente il numero di scrittori islandesi che hanno raggiunto fama internazionale negli ultimi anni è...

myvatn

Myvatn

Mývatn (in lingua islandese: lago dei moscerini) è il quarto lago naturale per superficie dell’Islanda. Ha una superficie di 37,3 km² e una profondità massima di 4,5 m; si trova a 277 m s.l.m. È situato in un’area estremamente vulcanica, che ha visto dal 1975 al 1984 nove eruzioni. Sulle sponde sono...

Latrabjarg

Latrabjarg

Látrabjarg è l’estremità più occidentale dell’Islanda ed è anche il punto più occidentale dell’Europa. Sul lato sud è formata da una scogliera che passa dai 60 m s.l.m. a ovest fino a 441 m s.l.m. circa 5 km più a est. La scogliera è nota per le colonie di uccelli marini...