Islanda, la travolgente terra di ghiaccio e fuoco

12 giorni per scoprire l'Islanda profonda

  • Min: 8 - Max: 12 (viaggio di gruppo)
  • Periodo: Estate

L’Islanda è bella ma cara…
Per non spendere troppo molti la visitano rapidamente, in pochi giorni, e si perdono quegli itinerari più spettacolari ma difficili che ne fanno una terra davvero sorprendente e unica.

… o no?
Noi preferiamo organizzare le cose in modo di permettere a chi può spendere 3.500 euro di starci 12 giorni e vedere posti che vi resteranno negli occhi tutta la vita.
E lo facciamo in gruppi piccoli, affiatati: si fanno amicizie che restano.
 
In piccoli gruppi è meglio
Sarete accompagnati personalmente da Roberto Savio, la guida italiana specializzata in quei luoghi.
Viaggerete su un valido 4×4 con Villi, il nostro esperto autista islandese.
Saremo pochi ma buoni:  minimo in 8, massimo in 12.
 
Durata: 13 giorni / 12 notti
Partenze: 19 Luglio e 18 Agosto 2021
Partecipanti: min 8 / max 12
Sistemazione: in guest-house, in camere doppie (quadruple il secondo pernottamento) con bagno al piano

Quota partecipazione:
Euro 3.500,00 partenze Luglio
Euro 3.600,00 partenze Agosto

La quota comprende:
volo diretto Milano – Reykjavik con Icelandair;
12 pernottamenti con prima colazione;
8 cene conviviali nelle strutture ricettive (la guida è anche cuoco);
trasporto con mezzo 4×4 adeguato con autista islandese;
assicurazione medica, dei bagagli e stradale.

La quota non comprende:
tasse aeroportuali (ca. 150 euro);
tutti i pranzi ( di solito sono pasti veloci);
le cene del giorno di arrivo e della sera prima di partire; 
quelle del terzo e del settimo giorno (in cui preferirete essere liberi di cenare fuori tra i ristorantini di Akureyri e nella capitale del gambero);
tutte le navigazioni (che hanno un biglietto individuale);
gli ingressi ai bagni termali;
gli alcolici;
le mance;
gli extra e tutto quanto non incluso nella voce “la quota comprende”.
*) – Navigazione per l’avvistamento delle balene può essere fatta da diverse località toccate dal percorso, senza particolari problemi di prenotazione, in quanto può essere fatta anche in loco, a volte anche il giorno prima o il giorno stesso (Costo compreso tra 60 / 80 euro).
* *) – Escursione facoltativa in barca nella laguna degli icebergs (Jokulsarlon) euro 40 p.p. Deve essere prenotata ed acquistata in Italia, al momento della iscrizione

 

Programma 13 giorni / 12 notti
1° giorno: Volo per Reykjavik
2° giorno: Golden Circle
3° giorno: Pista di Kjolur – Akureyri
4° giorno: Area del lago Myvatn
5° giorno: Dettifoss – Kjodaklettar – Husavik
6° giorno: Caldera dell’Askja
7° giorno: Islanda Orientale – Hofn
8° giorno: Jokulsarlon – Skaftafell
9° giorno: Laki
10° giorno: Landmannalaugar – Hrauneyjar
11° giorno: Costa meridionale
12° giorno: Rientro a Reykjavik
13° giorno: Partenza

1° giorno: Italia – Islanda
partenza dall’aeroporto di Milano Malpensa con il volo diretto per l’Islanda. Arrivo all’aeroporto internazionale di Keflavik in tarda serata e trasferimento in città con mezzo privato. Sistemazione e pernottamento.

2° giorno: Reykjavik – Golden Circle
dopo colazione, nella mattina, breve visita della capitale islandese con la nostra Guida; pranzo libero. Nel primissimo pomeriggio parte il tour, con direzione Nord-Est per la visita di tre siti che vengono accomunati con il suggestivo nome di “Golden Circle”: la cascata di Gulfoss (cascata d’oro), Geysir (dove si trova l’unico geyser di tutta l’isola) e Thingvellir, sito di importanza storica (sito del primo parlamento) e geomorfologica (faglia medio-atlantica). Al termine, arrivo alla struttura, sistemazione, cena autogestita con la Guida e pernottamento.

Geysir: l’attività periodica di “Strokkur”

3° giorno: Geysir – Akureyri
dopo colazione, attraversando il deserto centro occidentale, lungo la pista di Kjolur che si insinua tra i ghiacciai Langjokull e Hofsjokull, ci dirigiamo verso l’area geotermica di Hveravellir, dove sarà possibile fare un bagno nelle calde acque sulfuree. Sosta pranzo e facile passeggiata tra sorgenti d’acqua calda e getti di vapore, sino al rifugio del più noto tra i fuorilegge islandesi, Fjalla Eyvindur, vissuto nel 18° secolo. Proseguiamo quindi verso la costa Nord attraverso ampie valli dedite all’agricoltura ed all’allevamento, per affacciarsi infine sullo Skagafjordur. Da qui puntiamo decisamente ad Est, sino ad arrivare al fiordo di Eyjafjordur dove si trova Akureyri, seconda città del paese. Sistemazione nelle camere dell’ostello, cena libera e pernottamento

4° giorno: Akureyri – area del lago Myvatn
consumata la colazione, si prosegue, via Myvatnasheld (altopiani fioriti e rinomati torrenti ricchi di salmoni) sino alla cascata di Godafoss (cascata degli dei) ed al lago Myvatn. Da Dimmuborgir (labirinto di bizzarre forme laviche) saliamo sul cratere Hverfell da dove si ammira lo spettacolo del sottostante lago costellato di piccoli e grandi pseudocrateri e di tutta l’area circostante. Nei pressi potremo visitare l’area dei fanghi bollenti di Hverarond ed il campo lavico del Krafla. Prima di instradarci verso la nostra meta serale, potrà anche esserci il tempo di fare una visita ad bagno termale nei pressi del lago (ingresso a pagamento, non compreso nella quota). Raggiungiamo la struttura, sistemazione, cena in struttura e pernottamento.

5° giorno: Dettifoss – Hljodaklettar – Husavik
dopo colazione, ci dirigiamo verso Est lungo la Ring Road sino alla deviazione per la cascata di Dettifoss: la più potente d’Europa, una vera potenza della natura! Terminata la visita alla cascata, risaliamo la strada che si dirige verso Nord, sino a Kljodaklettar, dove faremo una escursione tra suggestive formazioni basaltiche e colline rosse. Al termine, sempre verso Nord, dopo il periplo della penisola di Tjornes, giungiamo ad Husavik. Tempo e meteo permettendo, sarà possibile, per chi interessato, fare un’uscita in mare per avvistare le balene (* costo non compreso nella quota). Al rientro dalla navigazione, cena. Al termine della cena, si rientra verso Myvatn per il pernottamento.

6° giorno: Askja
di prima mattina, dopo colazione ci dirigiamo verso Est per imboccare la pista in direzione Sud, verso il centro dell’Islanda: il grande deserto lavico. Percorreremo molta strada prima di giungere alla nostra sistemazione serale, ma i paesaggi attraversati ed i panorami osservati ci ripagheranno del tempo trascorso: l’immenso deserto “lunare” tra colonne di basalto e pianure di pomice, ponti su fiumi impetuosi e laghi apparentemente tranquilli di origine vulcanica. Ci addentriamo nel deserto centrale costeggiando a lungo il vulcano Herdubreid (la “regina d’Islanda”), sino ad arrivare all’Askja (immensa caldera vulcanica). Una facile escursione a piedi ci condurrà sino all’interno della caldera, al margine dei due laghi presenti al suo interno (laghi Viti e Oskjuvatn). Riprendiamo infine la strada per uscire dal deserto in direzione Modrudalur. Sistemazione nelle camere della suggestiva struttura, cena in struttura e pernottamento.

Escursione all’interno della caldera dell?askja

7° giorno: Islanda Orientale – Hofn
Colazione. Forse la giornata più lunga fra tutte! si svolge per buona parte lungo la strada N. 1, la cosiddetta Ring Road. Prima tappa di un certo “peso”, Egilsstadir, centro riconosciuto di tutta l’Islanda orientale. Breve sosta prima di dirigersi verso Sud, sino ad arrivare a Djupivogur, antica stazione commerciale tedesca, dove ci potremo fermare un po’ più a lungo, magari gustando una fetta di torta con una tazza di caffè. Proseguendo lungo costa, faremo soste per ammirare il panorama di queste coste alte alternate ad ampie lagune dove si radunano centinaia di Cigni selvatici. Infine raggiungiamo Hofn, la capitale del gambero islandese, dove pernottiamo. Sistemazione, cena libera e pernottamento.

8° giorno: Hofn – Kirkjubaejarklaustur
Colazione e partenza. La giornata di oggi ci riserva una delle più emozionanti località di tutta Islanda: la laguna degli iceberg di Jokulsarlon (possibilità di uscita sulla barca, con supplemento** di Euro 40 p.p.). Dopo l’eventuale escursione in barca, ci sarà tempo di fare una passeggiata lungo il canale che collega la laguna al mare (avvistamento frequente di foche), dove gli iceberg che “sfuggono” dalla laguna vengono risospinti dal moto ondoso su una lunghissima spiaggia di sabbia nera. Breve sosta alla meno conosciuta, ma ugualmente suggestiva laguna formatasi dal fronte del ghiacciaio Fjallsjokull. Ripartiamo e ci portiamo a Skaftafell dove, con una breve passeggiata, arriviamo alla “cascata nera” (Svartifoss) ed alla vecchia fattoria di Sel. Riprendiamo la strada per arrivare in prossimità di Kirkjubaejarklaustur, sistemazione, cena autogestita con la Guida e pernottamento.

9° giorno: Laki
Dopo colazione, escursione di una giornata (parte a piedi, parte in macchina) per raggiungere e visitare l’area dei crateri del Lakagigar, il vulcano la cui eruzione nel 1783 causò immense tragedie alla popolazione islandese ed enormi problemi nei paesi del Nord Europa. Il paesaggio è di una bellezza unica e sconvolgente: l’impressionante vestigia della linea di fratture lunga 25 km da cui fuoriuscì il più grande flusso lavico mai avvenuto in una singola eruzione in periodo storico; sullo sfondo, ai due opposti punti cardinali, i due ghiacciai Vatnajokull e Myrdalsjokull. Sulla strada di ritorno, fermata per l’ultimo spettacolo della giornata, già così piena di panorami mozzafiato: il canyon Fjadrargljufur. Rientro in struttura per la cena autogestita con la Guida e pernottamento.

10° giorno: Kirkjubaejarklaustur – Landmannalaugar – Hrauneyjar
Dopo colazione, oggi lasciamo la Ring Road per addentrarci verso l’interno, al di la del ghiacciaio Myrdalsjokull, verso una delle più belle aree del paese: Landmannalaugar. Prima di giungere al clou della giornata, avremo modo di fare una breve escursione lunga la frattura dell’Eldgja, sino alla cascata di Oafaerufoss. Arrivati a Landmannalaugar, da dove parte quello che viene descritto come uno dei più bei trekking del mondo, faremo un’escursione che ci farà comprendere come questo appellativo sia quanto mai appropriato. Non riusciremo a fare tutta la prima tappa di questo trekking, ma vedremo comunque paesaggi meravigliosi, dove colline dai mille colori si alternano a rilievi neri screziati dal muschio verde fosforescente. Al termine dell’escursione, riprendiamo la strada per uscire verso la valle del fiume Thjorsà, il più lungo del paese. Raggiungiamo infine la struttura che ci ospiterà per questa notte. Sistemazione, cena in struttura e pernottamento.

Paesaggio tipico dell’area di Landmannalauger

11° giorno: la costa meridionale
Dopo colazione, oggi percorriamo il tratto più meridionale d’Islanda, rientrati sulla Ring Road, ci dirigiamo verso Est; ci fermiamo dapprima alle cascate di Seljalandifoss (con retro passaggio) e quindi di Skogafoss (vero muro d’acqua alto 60 m). Sempre verso Est, dopo una visita al promontorio di Dyrholaey (punto più a Sud dell’isola), con le sue colonie di Pulcinella di mare, ci dirigiamo a visitare le spiagge basaltiche presenti nelle vicinanze. Arriviamo infine a Vik per una breve sosta in questa piccola cittadina con un laboratorio di prodotti in lana. Ritorniamo verso Ovest, sino ad arrivare alla nostra meta serale, cena e pernottamento.

12° giorno: Hvolsvollur – Reykjavik
Colazione, sistemazione dei bagagli e partenza per la capitale. Breve sosta alla cascata di Urridafoss, e deviazione verso la costa sino ai villaggi, antichi centri del commercio e della pesca di tutta l’area costiera, di Stokkseyri ed Eyrarbakki. Breve passeggiata alla scoperta di questi insediamenti dall’aria un po’ demodè. Sosta per il pranzo (meteo permettendo) all’area geotermica di Krysuvik. Raggiungiamo, infine, la capitale nel primissimo pomeriggio. Tempo libero per visita della città e shopping. Cena libera. Pernottamento in ostello.

13° giorno: Reykjavik – Italia
tempo libero a disposizione prima di ritrovarsi all’ostello per la partenza per l’aeroporto di Keflavik con il nostro mezzo privato.

 

Scarica la scheda completa del viaggio in formato 

  • GG slash MM slash AAAA
  • GG slash MM slash AAAA
    Smarca la voce qui sopra per essere iscritto/a alla newsletter e ricevere le nostre proposte di viaggio.

Potrebbero interessarti

Chi ha scelto

di viaggiare con noi

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

2 years ago

Nicola Pirazzini

Con Loro Sono stato in Patagonia e Islanda. Esperienze fantastiche: itinerari completissimi,Strutture,escursioni,trekking, organizzati sempre al meglio, luoghi e persone che rendono il viaggio ogni volta qualcosa di unico. Un abbraccio a Roberto e Antonella e anche all’altro Roberto.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Cristina Lapucci

Vacanza splendida tra macedonia e Tessaglia con esperienze inusuali. Questa vacanza mi ha permesso di conoscere integralmente persone e luoghi del posto creando una esperienza unica in una sola settimana di viaggio.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Giove Dante

Tour in Patagonia, viaggio verso la fine del mondo che non ha bisogno di commenti. Solo un grazie alla passione delle guide e alla scelta delle strutture, sembra sempre di stare tra amici.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Salvatore Sferrazza

Cerro Torre
Ancora 4 ore di cammino verso il Cerro Torre con un preludio di steppe, acquitrini, torrenti impetuosi e alberi dalle pazze forme fra l’essiccato e il verde più accecante. Ai piedi del Ghiacciaio Grande, come in un sogno lunare di pietra e vento si sentiva il rombo della natura che cercava il suo corso per buttarsi nella valle: ma dove?
Il vento ci ha impedito di arrivare al Campo Cesare Maestri e così il ritorno fra le steppe e i boschi è avvenuto in un’ora magica del primo tramonto così morbido e pieno di colore… Il Cerro Torre – miracolo – si è mostrato senza una nube ma il cielo era pieno di disegni a pennello di forme bianche e azzurre…
La notte ho guardato le stelle.

Rebecca
... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni
Mostra ancora