Islanda – Capodanno 2022

Alla ricerca dell'Aurora Boreale

  • Min: 5 - Max: 8 (viaggio di gruppo)
  • Periodo: Capodanno Inverno

Aurora Boreale
forse il fenomeno atmosferico ultimamente più chiacchierato. Infatti, questo fenomeno naturale di origine solare, negli ultimi anni sembra sia stato riscoperto ed è entrato a pieno titolo fra le motivazioni per cui preventivare un viaggio. Ovviamente nelle aree dove è più facile avvistarla: le regioni circumpolari.
Tra queste, l’Islanda è una delle più ricercate, perchè fotografare l’aurora boreale su paesaggi già di per sé spettacolari, è sicuramente un valore aggiunto al risultato.

Quando e come
Al di la del fatto che il fenomeno è soggetto alla variazione di intensità dell’attività solare, sulla quale niente noi possiamo, è fondamentale l’assenza di luce solare e la presenza di un cielo limpido e pulito.
Un meteo non particolarmente buono non è amico dell’osservatore delle aurore boreali, ma per questo non ci si può fare niente…o quasi. Armati però dell’applicazione che prevede l’attività solare per le diverse zone del paese, tenteremo, entro le nostre possibilità, anche di spostarci verso zone con maggiori probabilità di riuscita.

La logistica
Il piccolo gruppo permette di poter soggiornare nelle guesthouse, usufruendo dell’uso di cucina per preparare la cena, se non prevista al ristorante. La Guida provvederà alla spesa ed organizzerà e preparerà la cena. L’aiuto dei partecipanti sarà ovviamente ben accetto: non c’è migliore occasione per compattare il gruppo!
Al rientro a Reykjavik, per l’ultima notte di permanenza, abbiamo scelto un ottimo hotel centrale con tutte le comodità, così da permettere a ciascuno di poter utilizzare al meglio il proprio tempo libero.

 

Durata: 6 giorni / 5 notti
Partenza: 29 dicembre 2021
Partecipanti: min 5 / max 8
Quota partecipazione: da Euro 1.050,00
Sistemazione: hotel e guesthouse

La quota comprende:
* 1 pernottamento in Hotel in camere doppie, bagno privato e prima colazione
* 4 pernottamenti in guesthouse in camere doppie, bagni in comune e prima colazione
* guida / autista italiano
* tutti gli spostamenti con van 4×4 (9 posti)
* 3 cene autogestite in guest-house
* 1 cena al ristorante Krauma
* ingresso al bagno geotermale Krauma il secondo giorno
* assicurazione medico-bagaglio

La quota NON comprende:
* il volo (*)
* tutti i pranzi e la cena del penultimo giorno
* tutti gli ingressi
* gli alcolici e le bevande
* le mance, gli extra e tutto quanto non incluso nella voce la quota comprende.

*) Il volo consigliato è quello della Wizzair – volo diretto in partenza da Malpensa. Di seguito il piano del volo:
29DIC MXP – KEF 06.30 09.55
03GEN KEF – MXP 10.35 15.50
Prezzo Euro 646 con bagaglio in stiva

Krauma Geothermal Bath
Si trovano a soli 60 minuti di macchina da Reykjavík.
L’acqua calda proviene dalla sorgente calda più potente d’Europa, Deildartunguhver, ad una temperatura di 100°C. Tempo di permanenza nell’area piscina: 1 ora.
Krauma ha un totale di sei bagni, cinque caldi e uno freddo.
Non vengono utilizzati prodotti chimici extra per mantenere le piscine pulite, poiché l’acqua viene costantemente sostituita a causa del rapido flusso naturale delle sorgenti calde.
Nello spogliatoio c’è un armadietto separato per ogni ospite. La stanza ha un ampio spogliatoio con grandi specchi e una buona illuminazione.
Il ristorante può ospitare 70 persone all’interno e altre 70 all’esterno sulla terrazza. Si serve cucina islandese dagli ingredienti più freschi prodotti dalla fattoria locale.
Per massimizzare l’esperienza gli ospiti possono andare nella sala relax situata nella zona dei bagni. Nella stanza gli ospiti possono sdraiarsi o sedersi e rilassarsi con una musica rilassante e un camino scoppiettante.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Programma di 6 giorni / 5 notti
1° giorno: Volo Italia – Islanda, Reykjavik
2° giorno: Cratere Eldborg – Cascate Barnafoss – Surtshellir – Bagno geotermale Krauma
3° giorno: Penisola di Snaefellsness
4° giorno: Thingvellir
5° giorno: Geysir e Gullfoss – rientro a Reykjavik
6° giorno: Volo di rientro

 

29 dicembre: Italia – Islanda – Reykjavik
Ritrovo con la Guida all’aeroporto internazionale di Reykjavik per le ore 10:30 / 11 (*) e trasferimento in città (ca. 40′).
Visita del piccolo centro della città e delle sue attrattive: l’Hallgrimskirkja, il Parlamento, la sala concerti Harpa, l’area portuale, il Municipio ed il lago Tjornin, le vie dello shopping.
Pranzo libero. Nel pomeriggio, una volta terminata la visita, ripresa la macchina ci dirigiamo verso la guesthouse dove alloggeremo per le successive due notti (ca. 1h 30′). Cena autogestita utilizzando la cucina della struttura. Pernottamento. Sin da questa sera ci prepareremo e ci dedicheremo alla ricerca dell’Aurora Boreale per osservare e fotografare questa.
*) chi non dovesse riuscire ad essere a Reykjavik per questo orario, potrà utilizzare il transfer della Flybus (ca. 24 euro) sino a Reykjavik (stazione degli autobus), dove sarà recuperato in orario da concordare.

30 dicembre: Eldborg – Krauma
Dopo colazione, appena usciti dalla Guesthouse, imbocchiamo un sentiero che in circa 30′ di cammino ci conduce sino al piccolo cratere di Eldborg, sul quale saliamo. Tornati indietro, prendiamo la macchina ed andiamo a visitare le cascate di Barnafoss e di Hraunfossar e l’area dei tunnel di lava di Surtshellir. Al termine della visita, ci rilassiamo con una sosta al bagno geotermale di Krauma (ingresso incluso nel prezzo del tour).
Rientro alla guesthouse per un’altra serata di attesa dell’aurora boreale. Cena al ristorante.

31 dicembre: Penisola di Snaefellsness
Colazione, preparazione dei bagagli e partenza in mattinata per il periplo della penisola alla cui estremità occidentale troneggia il vulcano Snaefellsjokull, quello che Verne immaginò punto di partenza per il viaggio al centro della terra.
Nel corso della giornata faremo diverse soste per visitare e fotografare piccoli villaggi, chiese e fari isolati sullo sfondo del mare, rilievi dalle forme insolite ed estesi campi di lava. La guesthouse che ci ospiterà questa sera è posta a breve distanza da una delle montagne più suggestive e fotogeniche di tutta l’area: Kirkjufell. Auguriamoci che la serata sia favorevole all’avvistamento dell’Aurora Boreale, perchè qui le foto avranno sicuramente un effetto più intenso.
Cena autogestita in guesthouse.

Kirkjufell – Foto Pixabay

1 gennaio: il Golden Circle
Colazione e partenza in mattinata per raggiungere la prima località di quello che è conosciuto come “Golden Circle”, tre diversi siti più visitati d’Islanda. Il primo, Thingvellir, sito di importanza storica in quanto sede del più antico parlamento del mondo e geomorfologica, perchè qui si trova la dorsale medio atlantica, dove avviene la separazione della placca americana da quella europea. Visita del sito a piedi con eventuale camminata sino alla cascata Oxarafoss.
Nel pomeriggio raggiungiamo la struttura che ci ospiterà. Cena autogestita e ricerca dell’Aurora.

2 gennaio: Geysir – Gullfoss – Reykjavik
Colazione ed in breve (ca. 20′) arriviamo a Geysir, seconda delle località del Golden Circle: qui si trova l’unico geyser d’Islanda; ed è da questa località che questa manifestazione geotermica ha preso nome. Con tutta calma faremo la vista al sito concentrandoci sulla migliore foto del getto di acqua e vapore che con una certa regolarità zampilla dal terreno.
Dopo Geysir, ci spostiamo nuovamente (10′) sino all’ultima località. la cascata di Gullfoss, molto scenografica, con il suo doppio salto con orientazione relativa di 45°.
Al termine, ripresa la macchina, ci dirigiamo verso Reykjavik, dove contiamo di arrivare nel primo pomeriggio. Sistemazione in hotel e tempo libero. Cena libera.

Gullfoss – Foto Sharon Ang

3 gennaio: partenza per il rientro
Colazione in hotel e trasferimento in aeroporto per il volo di rientro.

*) Il volo consigliato è quello della Wizzair – volo diretto in partenza da Malpensa. Di seguito il piano del volo:
29DIC MXP – KEF 06.30 09.55
03GEN KEF – MXP 10.35 15.50
Prezzo Euro 646 con bagaglio in stiva

Scarica la scheda completa del viaggio in formato 

Krauma Geothermal Bath
Si trovano a soli 60 minuti di macchina da Reykjavík.
L’acqua calda proviene dalla sorgente calda più potente d’Europa, Deildartunguhver, ad una temperatura di 100°C. Tempo di permanenza nell’area piscina: 1 ora.  Krauma ha un totale di sei bagni, cinque caldi e uno freddo.
Non vengono utilizzati prodotti chimici extra per mantenere le piscine pulite, poiché l’acqua viene costantemente sostituita a causa del rapido flusso naturale delle sorgenti calde.
Nello spogliatoio c’è un armadietto separato per ogni ospite. La stanza ha un ampio spogliatoio con grandi specchi e una buona illuminazione.
Il ristorante può ospitare 70 persone all’interno e altre 70 all’esterno sulla terrazza. Si serve cucina islandese dagli ingredienti più freschi prodotti dalla fattoria locale.
Per massimizzare l’esperienza gli ospiti possono andare nella sala relax situata nella zona dei bagni. Nella stanza gli ospiti possono sdraiarsi o sedersi e rilassarsi con una musica rilassante e un camino scoppiettante.

  • GG slash MM slash AAAA
  • GG slash MM slash AAAA
    Smarca la voce qui sopra per essere iscritto/a alla newsletter e ricevere le nostre proposte di viaggio.

Potrebbero interessarti

Chi ha scelto

di viaggiare con noi

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

2 years ago

Nicola Pirazzini

Con Loro Sono stato in Patagonia e Islanda. Esperienze fantastiche: itinerari completissimi,Strutture,escursioni,trekking, organizzati sempre al meglio, luoghi e persone che rendono il viaggio ogni volta qualcosa di unico. Un abbraccio a Roberto e Antonella e anche all’altro Roberto.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Cristina Lapucci

Vacanza splendida tra macedonia e Tessaglia con esperienze inusuali. Questa vacanza mi ha permesso di conoscere integralmente persone e luoghi del posto creando una esperienza unica in una sola settimana di viaggio.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Giove Dante

Tour in Patagonia, viaggio verso la fine del mondo che non ha bisogno di commenti. Solo un grazie alla passione delle guide e alla scelta delle strutture, sembra sempre di stare tra amici.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Salvatore Sferrazza

Cerro Torre
Ancora 4 ore di cammino verso il Cerro Torre con un preludio di steppe, acquitrini, torrenti impetuosi e alberi dalle pazze forme fra l’essiccato e il verde più accecante. Ai piedi del Ghiacciaio Grande, come in un sogno lunare di pietra e vento si sentiva il rombo della natura che cercava il suo corso per buttarsi nella valle: ma dove?
Il vento ci ha impedito di arrivare al Campo Cesare Maestri e così il ritorno fra le steppe e i boschi è avvenuto in un’ora magica del primo tramonto così morbido e pieno di colore… Il Cerro Torre – miracolo – si è mostrato senza una nube ma il cielo era pieno di disegni a pennello di forme bianche e azzurre…
La notte ho guardato le stelle.

Rebecca
... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni
Mostra ancora