Piemonte – La Val di Susa

la natura e i suoi tesori- Luoghi sacri e opulente abbazie lungo questa antica via di pellegrinaggio

  • Min: 5 - Max: 15 (viaggio di gruppo)
  • Periodo: Autunno Estate Primavera

Antica via di collegamento tra Francia e Italia, nel medioevo era chiamata Sentiero dei Franchi, collegava Roma e la Gallia e fu percorsa da eserciti di ogni epoca, Annibale si dice passò di qui con i sui elefanti come anche Carlo Magno venne per sconfiggere i Longobardi. Ricca di testimonianze storiche che troviamo innanzitutto a Susa con l’arco di Augusto e le sue vestigia romane. Per i pellegrini era la Via Francigena che si inerpicava lungo l’impervio Moncenisio e discendeva la valle costellata di importanti abbazie, prima fra tutte la Sacra di San Michele, monumento simbolo del Piemonte che domina Torino e la valle dalla cima del monte Pirchiriano. Itinerari a piedi attraverso boschi di conifere e sentieri di castagneti ci porteranno alla scoperta di tutti i tesori della valle incluso le prelibatezze gastronomiche a base di formaggi locali, marroni e funghi e ottimi vini.

Programma 4 giorni/3 notti
1° giorno: Sant’Antonio di Ranverso
2° giorno: la sacra di San Michele
3° giorno: Susa e abbazia della Novalesa
4° giorno: Torino – la palazzina di caccia di Stupinigi

1° giorno: Sant’Antonio di Ranverso
Arrivo in bassa val Susa entro la tarda mattinata e sistemazione in hotel.
Nel primo pomeriggio visiteremo il primo dei numerosi gioielli della Val di Susa, il complesso abaziale di San’Antonio di Ranverso con la precettoria, la foresteria e l’ospedale, costruito in epoca medioevale per assistere i pellegrini sulla via Francigena. Grazie ai notevoli affreschi del 400 è chiamata anche la piccola Sistina.
Nel tardo pomeriggio è possibile fare una piacevole passeggiata nel centro storico di Avigliana
Pernottamento.

2° giorno: la sacra di San Michele
Prima colazione. Con la guida saliamo a piedi alla Sacra di San Michele posta sulla cima del monte Pirchiriano attraverso il sentiero dei Principi. La vista è meravigliosa con la Sacra che svetta in cima e sotto i laghi di Avigliana. Visita guidata alla Sacra, maestosa, magica, inquietante, tanto che ispirò Umberto Eco per Il nome della Rosa.
Nel pomeriggio relax e tempo libero per una passeggiata ai laghi di Avigliana, ricchi di biodiversità e molto interessante dal punto di vista naturalistico con buone possibilità di avvistare l’avifauna locale.
Pernottamento.

3° giorno: Susa e abbazia della Novalesa
Prima colazione. Ci spostiamo nella media valle e da Susa ci addentriamo nella val Cenischia per la visita ad uno dei gioielli della Val di Susa, l’Abbazia della Novalesa; l’edificio monastico, la chiesa abbaziale, il parco e le cappelle medioevali splendidamente affrescate. La valle è costellata di numerosi sentieri immersi nella natura selvaggia dell’ambiente montano.
Nel pomeriggio passeggiata a Susa, l’antica Segusium, prima celtica, poi romana, medioevale e per finire dominio dei Savoia è una tappa da non perdere per le numerose testimonianze plurimillenarie.
Rientro ad Avigliana. Pernottamento

4° giorno: Torino – la palazzina di caccia di Stupinigi
Prima colazione. Ci spostiamo in direzione di Torino per visitare la palazzina di caccia di Stupinigi, un altro capolavoro dell’architetto Juvarra che per i Savoia realizzò numerose opere. La residenza si trova alle porte di Torino. Circondata da un enorme parco era, come dice anche il nome, adibita alle battute di caccia ma più in generale agli svaghi del re e della corte. Al termine della visita proponiamo un pranzo presso un agriturismo in zona per poi salutarci e partire per il rientro.

Scheda tecnica

Gruppo: minimo 5 massimo 15 persone
Durata: 4 giorni / 3 notti

Partenze 2021: 26/3, 2/4, 30/4, 21/5, 18/6, 10/9, 8/10, 5/11
Sistemazione: struttura alberghiera di buon livello. Camere private con bagno

Quota individuale in camera doppia: € 280.00 (minimo 5 partecipanti)
Supplemento singola € 90

La quota comprende: sistemazione in camere doppie con colazione, guida turistica per tutti i giorni, prenotazione ingressi, assicurazione medica e RC, Iva.
La quota non comprende: pranzi e cene, ingressi, extra e tutto quanto non menzionato nella quota comprende.

Trasporto: mezzi privati

Supplementi da pagare in loco:
gli ingressi verranno pagati in loco in quanto molte persone usufruiscono di sconti e riduzioni. Qui di seguito riportiamo i costi del biglietto intero.
1 Sant’Antonio di Ranverso: € 5
2 Sacra San Michele: € 8
3 Abbazia della Novalesa: offerta libera
4 Stupinigi: € 12
Le cene: le cene sono escluse dal costo del pacchetto e verranno proposte presso il ristorante della struttura con modalità à la carte. Il ristorante offre un ottimo rapporto qualità/prezzo. Il costo di una cena si aggira sui 20/30 euro + le bevande in base alla scelta.

26 /03/ 2021 2 /04/2021 30 /04/ 2021 21 /05/ 2021 18 /06/ 2021 10 /09/ 2021 8/10/2021 5/11/2021
  • GG slash MM slash AAAA
  • GG slash MM slash AAAA
    Smarca la voce qui sopra per essere iscritto/a alla newsletter e ricevere le nostre proposte di viaggio.

Potrebbero interessarti

Chi ha scelto

di viaggiare con noi

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

2 years ago

Nicola Pirazzini

Con Loro Sono stato in Patagonia e Islanda. Esperienze fantastiche: itinerari completissimi,Strutture,escursioni,trekking, organizzati sempre al meglio, luoghi e persone che rendono il viaggio ogni volta qualcosa di unico. Un abbraccio a Roberto e Antonella e anche all’altro Roberto.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Cristina Lapucci

Vacanza splendida tra macedonia e Tessaglia con esperienze inusuali. Questa vacanza mi ha permesso di conoscere integralmente persone e luoghi del posto creando una esperienza unica in una sola settimana di viaggio.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Giove Dante

Tour in Patagonia, viaggio verso la fine del mondo che non ha bisogno di commenti. Solo un grazie alla passione delle guide e alla scelta delle strutture, sembra sempre di stare tra amici.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Salvatore Sferrazza

Cerro Torre
Ancora 4 ore di cammino verso il Cerro Torre con un preludio di steppe, acquitrini, torrenti impetuosi e alberi dalle pazze forme fra l’essiccato e il verde più accecante. Ai piedi del Ghiacciaio Grande, come in un sogno lunare di pietra e vento si sentiva il rombo della natura che cercava il suo corso per buttarsi nella valle: ma dove?
Il vento ci ha impedito di arrivare al Campo Cesare Maestri e così il ritorno fra le steppe e i boschi è avvenuto in un’ora magica del primo tramonto così morbido e pieno di colore… Il Cerro Torre – miracolo – si è mostrato senza una nube ma il cielo era pieno di disegni a pennello di forme bianche e azzurre…
La notte ho guardato le stelle.

Rebecca
... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni
Mostra ancora