Alpe Sissonecon Monte Disgrazia.

Trekking Valtellina e Valmalenco

Sentiero Italia CAI in Valmalenco

  • Min: 5 - Max: 15 (viaggio di gruppo)
  • Periodo: Estate

Dove siamo? Percorriamo la Valtellina, il fondovalle è solcato dal fiume Adda e si attraversano paesaggi caratterizzati da vigneti terrazzati. La nostra meta si arrampica sul versante retico in direzione nord nei pressi di Sondrio. E’ la Valmalenco che alla fine si apre e ci appaiono maestosi, i gruppi montuosi del Disgrazia il Bernina e lo Scalino.

Ma il Monte Disgrazia porta jella? Tranquilli, in realtà il nome deriva dal dialetto “desgrascià” che significa “sghiacciare”, probabilmente dovuto all’imponente quantità di neve e ghiaccio che scendeva in estate sottoforma di torrenti.
Contrade di pietra e tetti verdi. La pietra ollare, tipica del luogo ricopre i tetti delle contrade più antiche dando un bellissimo riflesso verdastro, ma si fanno anche oggetti per la cucina e addirittura il talco!

Il trekking E’ un sentiero impegnativo, indicato per camminatori esperti. No solo per i dislivelli che richiedono un buon allenamento ma anche per qualche breve punto un po’ tecnico che richiede una buona esperienza in montagna. La fatica sarà ben ripagata, il percorso attraversa pascoli, alpeggi, boschi, valichi e laghetti alpini. Il modo migliore per concludere la giornata? Con le tradizioni della Valtellina: un piatto di pizzoccheri e un buon bicchiere di liquore Braulio.

Durata: 4 giorni / 3 notti
Partecipanti: minimo 5, massimo 15
Sistemazione: rifugi alpini con sistemazione con camerata, agriturismo o hotel a gestione familiare. Biancheria da letto e da bagno inclusa.

Trasporto: arrivo con auto propria, transfer con minivan
Partenze 2021: 17 giugno, 14 luglio, 26 agosto, 16 settembre
Quota individuale con sistemazione in camere condivise:
a partire da € 449 (calcolato su 5 partecipanti)
Supplementi/riduzioni:
partenze di luglio e agosto supplemento di € 30 a persona

La quota comprende: 3 pernottamenti con sistemazione in camere condivise, trattamento di mezza pensione, trasferimento in bus l’ultimo giorno, guida escursionistica (A.m.M. “Collegio Guide Alpine di Lombardia”) per tutti i giorni, assicurazione e iva.

La quota non comprende: pranzi, bevande ai pasti, trasporto bagagli, tutto quanto non indicato alla quota comprende

Rifugio Longoni

Programma di 4 giorni / 3 notti da giovedì a domenica
1° giorno: Chiesa in Valmalenco
2° giorno: SI D23N da Chiareggio al Rif. Del Grande Camerini
3° giorno: SI D23N da Rif Del Grande Camerini al rif Longoni
4° giorno: SI D24N da Rif Longoni a Rif. Palù

1° giorno: Chiesa in Valmalenco
Ritrovo del gruppo a Chiesa , la principale località turistica della Valmalenco. Passati gli ultimi tornanti appare la valle incorniciata dai maestosi gruppi montuosi del Disgrazia, il Bernina e lo Scalino. Nel pomeriggio incontro con la guida per una passeggiata nelle graziose frazioni, caratterizzate da case in pietra e tetti in serpentino, pietra tipica della zona dai riflessi verdastri. Nel tardo pomeriggio ci trasferiamo con auto propria al piccolo abitato di Chiareggio a quota 1600 mt da dove domani partirà il nostro percorso.
Cena e pernottamento

Ultimi metri per il Rifugio Camerini

2° giorno: SI D23N da Chiareggio al Rif. Del Grande Camerini
Prima colazione. Da Chiareggio in direzione ovest ci portiamo oltre la Piana del Lupo e lasciata sulla destra la Valle del Muretto in prossimità dell’Alpe Forbesina ci immettiamo sul Sentiero Italia. Entriamo nella stupenda Valle Sissone, il panorama circostante è meraviglioso e la natura davvero potente. La parete Nord del Monte Disgrazia domina indisturbata. In fondo alla Valle Sissone si nota il Passo di Mello che porta all’omonima Valle. Noi saliamo a destra, qui il SI coincide con l’Alta Via Malenca. Salendo facilmente di quota, superato un breve e facile tratto attrezzato, si raggiunte il piccolo, accogliente e panoramicissimo Rifugio Del Grande Camerini.
Cena e pernottamento.
** se il Rifugio Del Grande Camerini non dovesse aprire quest’anno il gruppo prosegue la tappa in discesa fino a rientrare a Chiareggio chiudendo così il nostro percorso ad anello.
Dati tecnici: Dislivello circa +900mt. Sviluppo circa 8 km (se si prosegue per Chiareggio sarà +900, -900, 13km)

Verso il Rifugio Longoni

3° giorno: SI D23N da Rif Del Grande Camerini al rif Longoni
Prima colazione. Questo tratto del Sentiero Italia si chiude quasi ad anello in prossimità di Chiareggio. Oggi scendiamo nuovamente in direzione di Chiareggio, non dal percorso di salita, ma sempre restando sul tracciato del Sentiero Italia, passando dall’Alpe Vazzeda, proprio sopra la Valle del Muretto. Il percorso è più breve di quello di ieri. Arrivati a Chiareggio facciamo una pausa pranzo e riposo prima di ripartire alla volta del Rifugio Longoni. Anche questa salita offre panorami meravigliosi. La Val Sissone è alle nostre spalle. Raggiunta l’Alpe Fora, con un lungo percorso in traverso si supera un grande anfiteatro di origine glaciale, prima di raggiungere il Rifugio Longoni che ci ospiterà per la notte.
Cena e pernottamento
Dati tecnici: Dislivello: circa -900 / Circa +850 Sviluppo circa 10 km

Alpe Sissone – Monte Disgrazia

4° giorno: SI D24N da Rif Longoni a Rif. Palù
Prima colazione. Per questa ultima tappa ci aspetta una bellissima traversata in quota, attraverso alpeggi abbandonati, baite e pascoli. Passando dall’Alpe Sasso Nero si raggiunge l’Alpe Roggione e il Lago Palù, adagiato in una splendida conca circondata da pascoli e borghi di conifera. Da qui scendiamo verso i Barchi e fino all’abitato di San Giuseppe.
Trasferimento a Chiareggio per il recupero dei mezzi
Dati tecnici: Dislivello +200/ – 1000 Sviluppo circa 12 km

Lago Pal

Scheda Tecnica

Durata: 4 giorni / 3 notti
Partecipanti: minimo 5, massimo 15
Sistemazione: rifugi alpini con sistemazione con camerata, agriturismo o hotel a gestione familiare. Biancheria da letto e da bagno inclusa.
Trasporto: arrivo con auto propria, transfer con minivan
Partenze 2021: 17/6, 14/7, 26/8, 16/9

Quota individuale con sistemazione in camere condivise:
a partire da € 449 (calcolato su 5 partecipanti)
Supplementi/riduzioni:
partenze di luglio e agosto supplemento di € 30 a persona

La quota comprende: 3 pernottamenti con sistemazione in camere condivise, trattamento di mezza pensione, trasferimento in bus l’ultimo giorno, guida escursionistica (A.m.M. “Collegio Guide Alpine di Lombardia”) per tutti i giorni, assicurazione e iva.

La quota non comprende: pranzi, bevande ai pasti, trasporto bagagli, tutto quanto non indicato alla quota comprende

Scarica la scheda completa del viaggio in formato

  • GG slash MM slash AAAA
  • GG slash MM slash AAAA
    Smarca la voce qui sopra per essere iscritto/a alla newsletter e ricevere le nostre proposte di viaggio.

Potrebbero interessarti

Chi ha scelto

di viaggiare con noi

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

2 years ago

Nicola Pirazzini

Con Loro Sono stato in Patagonia e Islanda. Esperienze fantastiche: itinerari completissimi,Strutture,escursioni,trekking, organizzati sempre al meglio, luoghi e persone che rendono il viaggio ogni volta qualcosa di unico. Un abbraccio a Roberto e Antonella e anche all’altro Roberto.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Cristina Lapucci

Vacanza splendida tra macedonia e Tessaglia con esperienze inusuali. Questa vacanza mi ha permesso di conoscere integralmente persone e luoghi del posto creando una esperienza unica in una sola settimana di viaggio.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Giove Dante

Tour in Patagonia, viaggio verso la fine del mondo che non ha bisogno di commenti. Solo un grazie alla passione delle guide e alla scelta delle strutture, sembra sempre di stare tra amici.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

2 years ago

Salvatore Sferrazza

Cerro Torre
Ancora 4 ore di cammino verso il Cerro Torre con un preludio di steppe, acquitrini, torrenti impetuosi e alberi dalle pazze forme fra l’essiccato e il verde più accecante. Ai piedi del Ghiacciaio Grande, come in un sogno lunare di pietra e vento si sentiva il rombo della natura che cercava il suo corso per buttarsi nella valle: ma dove?
Il vento ci ha impedito di arrivare al Campo Cesare Maestri e così il ritorno fra le steppe e i boschi è avvenuto in un’ora magica del primo tramonto così morbido e pieno di colore… Il Cerro Torre – miracolo – si è mostrato senza una nube ma il cielo era pieno di disegni a pennello di forme bianche e azzurre…
La notte ho guardato le stelle.

Rebecca
... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni
Mostra ancora