Islanda

In self drive

  • Min: 2 (viaggio individuale)
  • Periodo: Estate

Ecco una terra unica che offre mille possibilità: per chi vuole una sistemazione comoda ma allo stesso tempo economica e che dia la possibilità di vivere secondo le abitudini di questo popolo ancora radicato alle proprie origini vichinghe, ci sono le centinaia di guesthouse, B&B e fattorie disperse sull’isola. Appoggiandoci a queste si ha la possibilità di visitare luoghi fuori dal circuito turistico classico degli hotel senza rinunciare ai piccoli comfort. Un tour di 10 giorni, in piccoli gruppi, intorno all’isola alla scoperta di ambienti unici, escursioni tra cascate, ghiacciai, vulcani attivi e lagune di iceberg, parchi naturali, sentieri tematici, siti storici, villaggi e piccole cittadine, una miscela esclusiva di emozioni che l’Islanda ogni volta ci riserva.

 

Programmi di 8 / 10 giorni  in self – drive con partenze su richiesta

Esempio di Programma di 10 giorni / 9 notti

1° giorno: Italia – Islanda
Volo per l’Islanda. Arrivo all’aeroporto internazionale di Keflavik e ritiro della macchina prenotata. Trasferimento a reykjavik (ca. 50 km), sistemazione nelle camere, cena libera e pernottamento.

2° giorno: Reykjavik – Golden Circle
Dopo colazione, dedichiamo la mattina alla visita della capitale: il lago Tjornin con il Municipio di Reykjavik, il Parlamento con la prospiciente Austurvöllur (la piazza preferita dagli abitanti di Reykjavik per prendere il sole nelle giornate solatie, per ritrovarsi nelle occasioni di feste o di agitazioni politiche), l’Harpa (nuova Concert Hall costruita tra il 2007 ed il 2011), la Allgrimskirkja (la più famosa chiesa d’Islanda) che svetta nella parte alta della città, Laugavegur (la via pedonale e dello shopping). Nel primo pomeriggio, lasciamo la città per la visita di tre siti che vengono ricordati con il suggestivo nome di “Golden Circle”: sono la cascata di Gulfoss (cascata d’oro), Geysir e Thingvellir (sito di importanza storica e geomorfologica). Al termine, trasferimento nell’area di Hella, arrivo alla struttura, sistemazione, cena e pernottamento.
Distanza percorsa: 160 km

3° giorno: Landmannalaugar e gli altipiani centrali
Dopo colazione, partiamo per addentrarci verso l’interno, lungo una delle piste centrali, verso una delle più belle aree del paese: Landmannalaugar. Da qui parte quello che viene descritto come uno dei più bei trekking del mondo; possibilità di fare un’escursione che ci farà comprendere come questo appellativo sia quanto mai appropriato. Al termine dell’escursione, riprendiamo la pista per uscire verso Est da questa bellissima area. Consigliata una fermata per fare un’altra passeggiata lungo la frattura dell’Eldgja (risultato di una delle più disastrose eruzioni vulcaniche della storia islandese), sino alla cascata Ofaerufoss. Usciamo infine nuovamente sulla Ring Road, nelle vicinanze della guest-house che ci ospiterà per questa notte. Cena e pernottamento. Distanza percorsa: 220 km

4° giorno: Kirkjubaeyjarklastur – Skaftafell – Jokulsarlon – Hofn
Colazione e partenza per riprendere la Ring Road e proseguire verso Est. La giornata di oggi riserva alcune delle più emozionanti località di tutta Islanda. Skaftafell, parte del Parco Nazionale Vatnajokull, dove è possibile fare una bella escursione (ca. 3h) alla cascata Svartifoss (“cascata nera”) per poi affacciarsi dall’alto sul fronte glaciale dello Skaftafellsjokull. In alternativa, prenotando in anticipo, è possibile fare un’escursione guidata sul ghiacciaio (durata ca. 3h – costo a persona 60/70 euro). Ripartiti da Skaftafell, in un’ora di macchina, raggiungiamo Jokulsarlon la laguna degli icebergs (* possibilità di uscita sulla barca, con supplemento di ca. Euro 40 p.p.). Dopo l’eventuale escursione in barca, ci sarà tempo di fare una passeggiata lungo il canale che collega al mare (avvistamento frequente di foche), dove gli iceberg che “sfuggono” dalla laguna vengono risospinti dal moto ondoso su una lunghissima spiaggia di sabbia nera. Al termine, proseguimento verso Hofn, la capitale islandese del gambero, dove si giunge in serata. Sistemazione, cena libera e pernottamento. * Può essere acquistata in Italia o direttamente in loco, all’inizio del tour.
Distanza percorsa: 230km

5° giorno: Hofn – Djupivogur – Egilsstadir – Modrudalur
Oggi non sono previste soste particolari o visite “mozzafiato”; si tratta più che altro di una giornata di trasferimento per portarci sino all’area settentrionale dell’isola. Si avrà comunque modo di godere di panorami bellissimi, tra alte coste a strapiombo, ampie lagune dove si radunano migliaia di cigni selvatici e paesaggi straordinari. Si procede lungo la Ring Road per toccare e sostare: Djupivogur, vecchia stazione commerciale tedesca con alcuni capanni ancora utilizzati anche se per scopi turistici; Egilsstadir, la “capitale” dell’Islanda orientale; la vecchia fattoria di Modrudalur, isolata da tutto, nelle estreme propaggini del deserto centrale. Arrivo alla struttura, sistemazione, cena e pernottamento.
Distanza percorsa: 330km

6° giorno: Dettifoss – Hljodaklettar – Husavik
La prima sosta di questa giornata sarà la visita alla cascata di Dettifoss: la più potente d’Europa, una vera potenza della natura! un breve percorso di 15′ ci permetterà di ammirare dall’alto o di avvicinarci al piano del salto, questa imponente e fragorosa cascata. Poco più a monte, lungo lo stesso fiume – Jokulsa à Fjollum – si trova una seconda cascata, Selfoss, che però, a causa del minor salto e del più ampio fronte, non appare così imponente. Terminata la visita, si prosegue verso Nord, sino a giungere a Hljodaklettar (le rocce dell’eco), dove è consigliata una passeggiata ad anelo (ca. 2h – 2h30′) per osservare alcune delle straordinarie forme che qui hanno le vecchie lave basaltiche a colonna, sino ad arrivare sulla cima di una lunga cresta di colline rosse, da cui si ha una visuale del restante corso del fiume.
Ripresa la strada, completiamo il periplo della penisola di Tjornes con le sue alte scogliere, sino a giungere ad Husavik, porto baleniero, oggi sede di alcune compagnie che propongono attività di whale watching. Raggiungiamo infine la nostra meta serale. Cena libera e pernottamento.
Distanza percorsa: 170km

7° giorno: Myvatn – Krafla – Namaskard – Godafoss
Colazione e partenza per una giornata dedicata alla visita della cosiddetta “zona vulcanica settentrionale”. Inizieremo con il lago Myvatn, formatosi a seguito di antiche colate laviche, che oggi ospita una notevole popolazione di uccelli acquatici di diverse specie (oche, anatre, cigni, svassi, strolaghe, etc.) ed è per questo meta di appassionati birdwatchers. Ci spingeremo quindi a visitare la caldera del Krafla, dove troveremo il piccolo lago Viti, all’interno di un cratere formatosi nell’eruzione idromagmatica degl’inizi del 1700, per poi fare una passeggiata (ca. 2h) all’interno del campo lavico più recente, quello del 1975-84, da cui ancora si innalzano vapori caldi tra le rocce nere e rosse. Ritorniamo verso il lago, ma prima ci fermeremo a visitare l’area geotermica ad alta temperatura di Namaskard, dove il vapore caldo porta in superficie fanghi bollenti dai colori giallo grigiastri. Prima di ripartire dal lago sarà possibile, per chi vorrà, provare l’efficacia di un bagno caldo presso il Myvatn Nature Baths (ingresso ca. 40 euro – non compreso nella quota). Prossima tappa, la cascata di Godafoss (cascata degli dei), con il suo ampio fronte tripartito. Al termine della visita, trasferimento ad Akureyri, la seconda città d’Islanda. Sistemazione, cena libera e pernottamento.
Distanza percorsa: 150km

8° giorno: Akureyri – Hvitserkur – Vatsnes
Colazione e tempo libero per una breve visita a questa piccola città (ca. 30.000 abitanti), che è sede universitaria e possiede un ben curato Orto Botanico dove si possono osservare tutte le piante presenti sul suolo islandese. Anche da questo porto, che si trova all’interno del Eyjafjordur, si possono effettuare uscite per l’avvistamento delle balene (Possibilità, su richiesta, di organizzare un’uscita). Si lascia Akureyri e ci si dirige verso Ovest, lungo la Ring Road. Dopo alcune soste “tecniche” o fotografiche, arriviamo nel pomeriggio alla base della penisola di Vatsnes, dove potremo osservare lo scoglio basaltico di Hvitserkur, che si eleva per 15 m a pochi metri dalla costa e che si può raggiungere durante la bassa marea. Da qui, completiamo il periplo della penisola per poterci soffermare in alcuni punti strategici da cui, comodamente con l’ausilio di un binocolo potremo osservare alcune foche che si rilassano sugli scogli. Ci dirigiamo infine ala guest-house che ci ospiterà per la notte, sistemazione, cena e pernottamento. Distanza percorsa: 250 km

9° giorno: Hvammstangi – Grabrok – Hraunfossar – rientro a Reykjavik
Dopo colazione, riprendiamo la Ring Road per dirigersi verso Reykjavik, con soste tecniche o di conoscenza, come quella che ci consentirà di visitare i coni vulcanici di Grabrok, nei pressi di Bifrost, e la cittadina di Borgarnes. Operiamo una deviazione dalla N1 per andare a visitare due piccole ma interessanti cascate: Hraunfossar e Barnafoss. A seconda del tempo a disposizione, sceglieremo di percorrere l’ultimo tratto di strada che ci sapara da Reykjavik, transitando nel tunnel sottomarino che taglia lo Hvalfjordur, oppure costeggiare questo fiordo. Arrivo a Reykjavik, sistemazione in guest-house, tempo e cena libera. Distanza percorsa: 270km

10° giorno: Reykjavik – Italia
A seconda dell’orario di partenza del volo, trasferimento con mezzo privato all’aeroporto di keflavik e rientro.

N.B. – Questo è solo un esempio di itinerario. Può essere variato su richiesta, sia per quanto riguarda le tappe che per la durata.

 

Scheda tecnica

Durata: 8 / 10 giorni
Partenze: su richiesta
Partecipanti: min 2
Quota partecipazione: 10 giorni – da Euro 1.400,00 (con Dacia Duster 4×4)
                                         8 giorni – da Euro   980,00  (con Ford Fiesta)
Sistemazione: a scelta, in hotel / guest-house / ostello

La quota comprende: pernottamenti con prima colazione; noleggio auto 4×4 o a trazione normale a seconda del programma prescelto (a scelta tra Dacia Duster / Suzuki Gran Vitara – Ford Fiesta o similare), sempre comprensivo di GPS – Wi-Fi e Premium Insurance Package; assicurazione medico-bagaglio.

La quota non comprende: il volo per/da Reykjavik; tutti i pasti; tutte le navigazioni; tutti gli ingressi; gli alcolici; le mance; gli extra e tutto quanto non incluso nella voce la quota comprende.

Su richiesta

  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
    Smarca la voce qui sopra per essere iscritto/a alla newsletter e ricevere le nostre proposte di viaggio.

Potrebbero interessarti

Chi ha scelto

di viaggiare con noi

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

11 months ago

Nicola Pirazzini

Con Loro Sono stato in Patagonia e Islanda. Esperienze fantastiche: itinerari completissimi,Strutture,escursioni,trekking, organizzati sempre al meglio, luoghi e persone che rendono il viaggio ogni volta qualcosa di unico. Un abbraccio a Roberto e Antonella e anche all’altro Roberto.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

11 months ago

Cristina Lapucci

Vacanza splendida tra macedonia e Tessaglia con esperienze inusuali. Questa vacanza mi ha permesso di conoscere integralmente persone e luoghi del posto creando una esperienza unica in una sola settimana di viaggio.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

11 months ago

Giove Dante

Tour in Patagonia, viaggio verso la fine del mondo che non ha bisogno di commenti. Solo un grazie alla passione delle guide e alla scelta delle strutture, sembra sempre di stare tra amici.... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni

11 months ago

Salvatore Sferrazza

Cerro Torre
Ancora 4 ore di cammino verso il Cerro Torre con un preludio di steppe, acquitrini, torrenti impetuosi e alberi dalle pazze forme fra l’essiccato e il verde più accecante. Ai piedi del Ghiacciaio Grande, come in un sogno lunare di pietra e vento si sentiva il rombo della natura che cercava il suo corso per buttarsi nella valle: ma dove?
Il vento ci ha impedito di arrivare al Campo Cesare Maestri e così il ritorno fra le steppe e i boschi è avvenuto in un’ora magica del primo tramonto così morbido e pieno di colore… Il Cerro Torre – miracolo – si è mostrato senza una nube ma il cielo era pieno di disegni a pennello di forme bianche e azzurre…
La notte ho guardato le stelle.

Rebecca
... See MoreSee Less

Vedi tutte le recensioni
Mostra ancora